menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pedopornografia sul web, scoperta rete 'invisibile': un indagato a Rimini

E' di 4 arresti e cinque denunce il bilancio di un'operazione anti-pedofilia condotta dalla Procura distrettuale di Catania. Gli agenti della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno scoperto una rete "invisibile", chiamata "deep web"

E' di 4 arresti e cinque denunce il bilancio di un'operazione anti-pedofilia condotta dalla Procura distrettuale di Catania. Gli agenti della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno scoperto una rete "invisibile", chiamata "deep web", attraverso la quale agiva il gruppo. Due arresti sono stati eseguiti a Roma, entrambi in flagranza di reato, dove c'e' una terza persona indagata; uno a Torino, dove ci sono altri tre indagati; e uno a Rimini.

La quarta persona arrestata, destinataria di ordine di carcerazione, è una casalinga piemontese, con legami familiari con l'uomo catturato a Torino, trapiantata nel Catanese che era già detenuta per analoghi reati. Per questo il provvedimento le è stato notificato in carcere. Gli altri indagati non arrestati apparterrebbero al gruppo ed erano in contatto con l’arrestato piemontese anche sul “Deep Web” perché “fortemente interessati a quel particolare tipo di materiale pedopornografico realizzato accostando in maniera sacrilega gli abusi sui minori agli oggetti religiosi”.

Gli indagati dovranno rispondere, vario titolo, dalla Procura di produzione, commercio, divulgazione e detenzione di materiale pedopornografico, e di abuso su minori di eta' inferiore ai 10 anni. Le violenze sessuali contestate sono quelle commesse per creare le immagini pedopornografiche da immettere sul mercato web.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento