Cronaca Pennabilli

"Sono una divinità, non potete toccarmi", poi aggredisce i carabinieri

Momenti agitati a Pennabilli durante l'ultima serata dell'appuntamento con gli artisti di strada

Decisamente agitata l'ultima serata della manifestazione “Artisti in Piazza”, che si è svolta nel fine settimana a Pennabilli, con i carabinieri che sono stati costretti ad ammanettare un esagitato. L'uomo, un 38enne di origine campana e residente nel fiorentino, aveva iniziato ad infastidire pesantemente il dipendente di un noto bar del paese tanto che, esasperato, il titolare è stato costretto a chiamare il 112. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto, l'uomo non si è calmato minimamente e ha iniziato a urlare frasi senza senso. Oltre a minacciare di morte i militari dell'Arma che gli chiedevano i documenti, il 38enne ha dichiarato anche di essere una dività. Nonostante questo, però, i carabinieri lo hanno bloccato e ammanettato per poi portarlo in caserma con le accuse di violenza e resistenza a un pubblico ufficiale e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale. Dopo una notte in camera di sicurezza, il 38enne è stato processato per direttissima lunedì mattina. Il giudice lo ha condannato a 14 mesi di lavori socialmente utili mentre, nei confronti dell'uomo, sarà richiesto al Questore di Rimini un foglio di via.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono una divinità, non potete toccarmi", poi aggredisce i carabinieri

RiminiToday è in caricamento