Per far colpo parla della morte, ragazzina tenta suicidio

Un trentatreenne di Montegridolfo è ora accusato di induzione al suicidio. La ragazza, due ore dopo quell'incontro, ha infatti tentato di togliersi la vita ingerendo sedici pillole

Voleva fare colpo su una sedicenne, che aveva conosciuto in un locale di Cattolica, lasciandosi andare a frasi sulla morte. Un trentatreenne di Montegridolfo è ora accusato di induzione al suicidio. La ragazza, due ore dopo quell'incontro, ha infatti tentato di togliersi la vita ingerendo sedici pillole di un noto ansiolitico. L'episodio risale allo scorso 29 agosto, ma è stato reso noto soltanto martedì dai carabinieri, che hanno denunciato l'uomo per le frasi rivolte alla ragazza.

Come "la morte è bella, non bisogna averne paura", "bisogna capire cosa si prova quando si muore", "la vita reale inizia dopo la morte", sentito in modo chiaro anche dagli amici della ragazza. Sono scattate così l'inchiesta della Procura di Rimini, che ha aperto un fascicolo per induzione al suicidio, e la denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento