Per gli eventi più importanti il Comune abbuona la spesa per la polizia Municipale

Gli organizzatori esentati dal pagamento, a precisarlo con una nota è stata la Conferenza unificata stato-città

Le manifestazioni e gli eventi che saranno ritenuti di interesse pubblico potranno essere esclusi dal pagamento del personale della polizia locale da parte degli organizzatori. A precisarlo con una nota è stata la Conferenza unificata stato-città che ha fatto così chiarezza su un punto della normativa entrata in vigore lo scorso anno che introduceva l’obbligo per il soggetto organizzatore del pagamento delle spese dei vigili per le “attività e iniziative di carattere privato”. Definizione che lasciava campo a diverse interpretazioni, che ha portato ad un’applicazione disomogenea da parte degli enti locali e che soprattutto ha rischiato di mettere in grande difficoltà gli organizzatori di eventi. A settembre l’Amministrazione recepirà la nuova formulazione della norma, andando a disciplinare la materia con un regolamento ad hoc: sarà il Comune quindi a valutare autonomamente l’esclusione dal pagamento per quelle manifestazioni connotate da interesse pubblico. Un passaggio necessario, in considerazione dell’importanza della rete di piccoli e grandi eventi che sono parte integrante della proposta turistica della città, come testimonia anche il calendario della stagione in corso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento