Per la Festa della donna Verucchio dedica un giardino ad Anita Garibaldi

A lei è stato intitolato un giardino affacciato sulla bellissima alta valle del Marecchia, che ora si presenta allestito con panchine e tavolo da pic-nic e abbellito da una aiuola centrale

Grande partecipazione a Verucchio in occasione della Giornata della donna, nella quale l’amministrazione comunale ha voluto portare il proprio tributo ad Anita Garibaldi. A lei è stato intitolato un giardino affacciato sulla bellissima alta valle del Marecchia, che ora si presenta allestito con panchine e tavolo da pic-nic e abbellito da una aiuola centrale dove proprio venerdì è stata messa a dimora la “rosa di Anita”, alla presenza di tanti amministratori e collaboratori del progetto “una rosa per Anita” al quale il Comune di Verucchio ha aderito insieme ai Comuni della Trafila garibaldina.

Presenti la Vicesindaca di Borghi - Marina Tosi, il Sindaco di Sogliano - Quintino Sabattini, il Vicesindaco di Ravenna - Eugenio Fusignani, l’Assessore di Castrocaro Terme e Terra del Sole -Pino Bacchilega ed il Direttore del Museo Biblioteca Renzi di Borghi - Nevio Magnani. Assente Annita Garibaldi Jallet, impedita a raggiungere Verucchio a causa dello sciopero dei mezzi pubblici.

La festa è stata poi colorata dalla presenza dei membri della Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini Sez. Rimini e Cesena – Cesenatico, che hanno intonato e coinvolto i presenti nel canto dell’inno nazionale, dalla presenza in uniforme dei rappresentanti dell’U.N.U.C.I. Sez. Cesena, dagli uomini dell’Arma dei Carabinieri Staz. Di Villa Verucchio e dell’Arma di Cavalleria 14° Alessandria Sez. Cesena. Presenti anche tanti verucchiesi a testimoniare l’orgoglio di vivere in un paese che non finisce mai di stupire e affascinare.

“Un omaggio gentile che la Romagna vuole tributare ad una donna amatissima come Anita Garibaldi" dichiara Andrea Antonioli, Direttore del Museo Renzi di Borghi e coordinatore dell’intero progetto (esportato anche a Santa Catarina in Brasile ove anita nacque). "Una festa nella festa per tutti i verucchiesi”, la definisce la Sindaca Stefania Sabba perché l’evento di venerdì ha portato alla prima intitolazione di un parco giardino ad una donna sull’intero territorio comunale e ha altresì permesso di celebrare un’importante ricorrenza storica: il 170° anniversario della trafila garibaldina e del passaggio a Verucchio (il 1 agosto del 1849) di Giuseppe Garibaldi insieme alla sua Anita febbricitante ed incinta al sesto mese (morirà il successivo 4 agosto a Mandriole nei pressi di Ravenna) accompagnati da ciò che rimaneva dell’esercito. Finale in grande stile al teatro Pazzini ove la Compagnia Fratelli di Taglia ha messo in scena uno spettacolo dedicato alle donne che hanno fatto la storia, inserendo anche una parte dedicata ad Anita Garibaldi con la lettura della poesia “Anita è il tuo nome” scritta dalla poetessa Maria Gabriella Conte che ha presenziato emozionata in sala.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento