rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca San Giovanni in Marignano

I percettori del reddito di cittadinanza impegnati nelle attività ai parchi pubblici, per i pre e post scuola

Nello specifico sono poco più di 50 i marignanesi che percepiscono questo sostegno economico da parte dello Stato

A San Giovanni in Marignano sono pienamente operativi i percettori del reddito di cittadinanza ritenuti abili al lavoro dai Servizi Sociali Territoriali. Nello specifico sono poco più di 50 i marignanesi che percepiscono questo sostegno economico da parte dello Stato. Gli uffici dell’Area Servizi alla persona (Servizi Sociali, Cultura, Pubblica Istruzione e Polizia Locale), in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali, hanno elaborato i progetti utili alla collettività (Puc) che sono poi stati approvati dalla giunta comunale.

Si tratta di due progetti che hanno al centro il decoro e la cura del territorio e delle realtà scolastiche. Si tratta di due esperienze: "San Giovanni ci sta a cuore" è un progetto di salvaguardia del decoro urbano presso il borgo, gli spazi pubblici, i parchi. Il progetto si attua presso gli spazi pubblici comunali, del capoluogo e delle frazioni, laddove si rileva una maggiore necessità di mantenimento del decoro. A titolo esemplificativo i luoghi sono parchi e verde pubblico; vie, piazze, portici; edifici comunali (Municipio, biblioteca, centro giovani).  

"La scuola che accoglie" è invece un progetto che mira a rendere sicuro ed accogliente l’ingresso e l’uscita da scuola degli alunni.  Il progetto si attua presso le scuole presenti nel territorio del Comune di San Giovanni in Marignano. Le attività in questione sono effettuate nelle aree di pertinenza dei plessi scolastici e si possono riassumere, in maniera esemplificativa ma non esaustiva, come segue: servizio di pre-scuola e post-scuola, che consiste nel vigilare sugli alunni che per ragioni lavorative dei familiari entrano in classe prima dell’orario delle lezioni oppure ne escono dopo il termine;  ricevimento degli alunni e loro suddivisione in merito all’entrata dedicata, verifica del rispetto della normativa anti-Covid; collaborazione per un corretto servizio mensa e nella pulizia e/o sanificazione degli ambienti; accoglienza e sorveglianza degli alunni all’interno degli scuolabus a supporto degli autisti per vigilare sul rispetto delle norme anti-Covid e sul corretto comportamento.

L’impegno settimanale richiesto a ciascun partecipante è pari a 8 ore. Nell’arco delle prime settimane di partecipazione al Puc avviene la formazione dei beneficiari del reddito di cittadinanza coinvolti: vengono fornite indicazioni sul servizio da svolgere e si adempie alla formazione in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Ogni partecipante svolge il suo servizio di tutela del decoro laddove assegnato e riceverà in dotazione i seguenti materiali e strumenti, anche in base allo specifico servizio svolto:  Dpi previsti dalle disposizioni vigenti in materia di sicurezza sul lavoro nonché di prevenzione del contagio da Coivd-19 (mascherine, giubbotto catarifrangente, calzature antinfortunistica, guanti); piccoli utensili ed attrezzi per la raccolta dei rifiuti e la pulizia: scopa, rastrello, sacchi nettezza, scopettone, strofinaccio e spruzzini, prodotti per la pulizia.

“Gli interventi - sottolinea l’Amministrazione Comunale - sono finalizzati, da un lato, alla promozione dell’inclusione sociale, contrastando efficacemente lo stato di emarginazione e prostrazione causato dall’indigenza e facendo sentire i partecipanti al Puc partecipi e responsabili nella tutela attiva del patrimonio comune. Nel contempo si rende un servizio utile alla collettività, consistente nel potenziamento degli interventi sul decoro degli spazi pubblici quali piazze, portici, giardini, parchi, locali comunali. Avere spazi più decorosi significa anche favorire il loro utilizzo quali luoghi per la socialità. Un ringraziamento agli uffici comunali che stanno lavorando da tempo sulla parte progettuale e continuano giornalmente a monitorare ed accompagnare questa esperienza. Importante è anche evidenziare e riconoscere l’alto valore di singoli cittadini volontari che stanno autonomamente prendendosi cura di spazi del paese dimostrando un elevato senso di amore e cura per il proprio territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I percettori del reddito di cittadinanza impegnati nelle attività ai parchi pubblici, per i pre e post scuola

RiminiToday è in caricamento