rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca

Durante la spedizione punitiva perde la pistola, condannata la banda di picchiatori

Il gruppo composto da quattro albanesi e un italiano aveva aggredito un napoletano che per sfuggire al pestaggio si era rifugiato all'interno di un bar

Sono stati tutti condannati i componenti di una spedizione punitiva che, il 7 dicembre del 2019, avevano aggredito un napoletano 50enne che per sfuggire al pestaggio si era rifugiato nel bar del circolo Acli di San Vito di Rimini. Quel pomeriggio la vittima, trafelata, era entrato nel locale pubblico inseguito da un albanese che aveva iniziato a prenderlo a calci e nel tafferuglio dalla cintura dei pantaloni gli era caduta una pistola. Tra la paura dei presenti, nel bar era arrivato un secondo albanese il quale aveva estratto a sua volta una pistola invitando tutti a farsi gli affari propri e minacciandoli se avessero preso in mano i cellulari. Nel frattempo il 50enne era stato colpito al volto con il calcio dell'arma e, dopo la botta, i due aggressori erano fuggiti. All'esterno c'era un terzo albanese che, secondo il racconto di una testimone, aveva minacciato una ragazza che si trovava nei pressi facendole il gesto di tagliarle la gola. La banda, quindi, era fuggita a tutta velocità a bordo di una vettura mentre dal locale è scattato l'allarme che aveva fatto accorrere i carabinieri.

Ricostruito quanto successo, i militari dell'Arma erano ripartiti alla ricerca dei fuggitivi e poco dopo avevano intercettato l'auto sospetta a bordo della quale vi erano 4 cittadini albanesi: un 45enne, due 41enni e un 25enne oltre a un italiano 22enne. Il quintetto e la vettura erano stati perquisiti ma, nonostante le ricerche, delle pistole non era stata trovata traccia. Difesi dall'avvocato Giuliano Renzi, erano finiti a processo con le accuse di porto abusivo di armi, lesioni personali e violenza privata (quest'ultimo capo d'accusa per quanto riguardava la ragazza minacciata). Il pubblico ministero aveva chiesto per tutti una condanna a 5 anni di reclusione ma i giudici del Collegio li hanno ritenuti colpevoli solo per quanto riguarda il porto abusivo di armi condannando il 45enne a 2 anni e 8 mesi e gli altri quattro a 1 anno e 8 mesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Durante la spedizione punitiva perde la pistola, condannata la banda di picchiatori

RiminiToday è in caricamento