rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca

I pescherecci in ostaggio del caro gasolio. "Così falliscono, hanno chiesto il disarmo degli equipaggi"

Forte presa di posizione della consigliera regionale Nadia Rossi: "La Regione faccia pressing sul Governo per dare concretezza alle misure di sostegno, altrimenti otto imprese su dieci a rischio chiusura"

“Il settore pesca è in ginocchio per il caro gasolio". A denunciare la grave situazione di emergenza per il comparto è la consigliera regionale Pd riminese Nadia Rossi. Che con una interrogazione urgente alla giunta dell’Emilia-Romagna sottolinea come "tali difficoltà dovute alla condizione dei mercati a seguito del conflitto in Ucraina, vanno ad inserirsi in un quadro già complesso, visti gli effetti dell’emergenza sanitaria e le conseguenze di una regolamentazione sia europea che nazionale restrittiva delle giornate di pesca. C’è poi il tema della mancata celerità nell’attuare misure di sostegno da parte del Governo: un’inerzia che le marinerie e la filiera imprenditoriale non possono sostenere”.

“Già nel 2021, le imprese del settore pesca attive nel Mare Adriatico e sulle coste emiliano-romagnole hanno segnalato una flessione del 20% del fatturato. – richiama la consigliera – Il rischio di chiusura è già di otto imprese su dieci. Non c’è bisogno di ribadire quanto questo possa comportare in termini di economia, lavoro, benessere per centinaia di lavoratori e le loro famiglie”.

“Proprio per questo, una decina di giorni fa, oltre ottanta imbarcazioni attive nel riminese con circa 200 pescatori imbarcati, hanno chiesto il disarmo degli equipaggi alla Capitaneria di Porto di Rimini, interrompendo di fatto l’attività di pesca nel Mar Adriatico. Una decisione – è ciò che teme Rossi – a cui potrebbe seguire un blocco complessivo del settore, viste anche le ultime notizie che arrivano dalle marinerie di Marche e Abruzzo”.

“Pronta è stata la presa di posizione dell’assessore regionale all’Agricoltura e alla Pesca Alessio Mammi, che ha immediatamente interpellato il Ministro alle Politiche Agricole e Alimentari Stefano Patuanelli per sollecitare il Consiglio dei ministri a dare esecuzione al Dl n. 21 del 21 marzo 2022 e ad altre misure. Con la mia interrogazione e con l’impegno riscontrato da parte della giunta, posso garantire che la posizione della nostra Regione è di sostegno ai pescatori e alle imprese del settore. Il pressing sul Governo per dare concretezza alle misure di sostegno ci sarà, e il prossimo 26 maggio l'argomento verrà trattato anche nel corso dell'incontro del Distretto di Pesca Alto Adriatico con gli assessori regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, per conferire ulteriore forza alle richieste delle Regioni".

La consigliera regionale conclude: "Credo che in un contesto come questo il tempismo sia tutto: è urgente quindi salvaguardare la tenuta economica del comparto pesca insieme a quella di tutte le filiere collegate, sospendendo ad esempio le rate dei mutui in capo alle imprese, rateizzando gli avvisi bonari delle Pmi del settore pesca e acquacoltura, dando seguito al rapido utilizzo del credito d’imposta prorogandolo al secondo trimestre del 2022. Agendo velocemente, quindi, per salvare la pesca, che rappresenta tradizione e posti di lavoro su tutto il territorio” conclude la consigliera regionale Pd".

ROSSI nadia-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I pescherecci in ostaggio del caro gasolio. "Così falliscono, hanno chiesto il disarmo degli equipaggi"

RiminiToday è in caricamento