Pestaggio in via Coletti: forse un regolamento di conti

Potrebbe esserci un regolamento di conti all'origine dell'aggressione subìta giovedì pomeriggio da un albanese di 25 anni. La Polizia ha denunciato a piede libero un connazionale

Potrebbe esserci un regolamento di conti all'origine dell'aggressione subìta giovedì pomeriggio da un albanese di 26 anni. La Polizia ha denunciato a piede libero un connazionale della vittima, 28enne, mentre un secondo individuo, anch'esso originario dall'Albania, è tuttora ricercato. A chiedere l'intervento del 113 è stato il 26enne, spiegando che in via Coletti c'era un individuo che si aggirava armato di un coltello.

Quando le forze dell'ordine sono arrivate sul posto, il 26enne aveva il volto sporco di sangue. Ai poliziotti ha chiarito di esser stato aggredito da due individui, uno armato d'arma da fuoco, l'altra di un coltello. Quest'ultimi sono fuggiti in direzione della spiaggia. Le ricerche hanno permesso di trovare l'auto dei due: una Ford Fiesta, intestata ad una romana.

La donna si è presentata venerdì mattina in Questura insieme ad uno degli aggressori, che sembra esser il compagno della figlia, chiedendo spiegazioni in merito al fermo del mezzo. Il 28enne è stato denunciato per lesioni aggravate in concorso. Gli investigatori non hanno recuperato armi. Ma sono convinti che dietro il pestaggio ci sia un regolamento di conti per questioni legate all'ambiente della prostituzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento