menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piano di salvaguardia della balneazione: al via due nuovi interventi strategici

"Il nostro obbiettivo, perseguito con tenacia, è sempre stato quello di far seguire ai piani e programmi i cantieri - chiosa Visintin -. Su questo obbiettivo abbiamo chiesto il massimo impegno sia alle diverse direzioni dell’amministrazione comunale sia al gestore Hera"

Con l’approvazione da parte della Giunta comunale dei progetti definitivi per la realizzazione della “Vasca di laminazione ospedale Colonnella 1”, e per la realizzazione del primo stralcio della “Dorsale Sud” la concreta realizzazione del Piano di Salvaguardia della Balneazione Ottimizzato (PSBO) compie un ulteriore passo in avanti. Difatti l’approvazione dei due progetti definitivi si aggiunge, sul piano della concreta realizzazione del PSBO, ai tre interventi già in corso di realizzazione (raddoppio del depuratore di Santa Giustina, della Dorsale Nord, di “Rimini Isola” che rappresentano oltre il 30% del valore dell’intero Psbo).

I due interventi approvati saranno finanziati con le risorse del “Piano Città”. “Procede a ritmi serrati l’impegno dell’Amministrazione sul PSBO – ha commentato l’assessore alle Politiche ambientali Sara Visintin – Si ricorderà infatti che il PSBO è stato approvato appena nel luglio scorso e oggi, dopo solo 100 giorni, siamo all’approvazione di ulteriori due interventi la cui realizzazione si aggiungerà, nella primavera del 2014, ai 3 cantieri già in corso”.

"Il nostro obbiettivo, perseguito con tenacia, è sempre stato quello di far seguire ai piani e programmi i cantieri - chiosa Visintin -. Su questo obbiettivo abbiamo chiesto il massimo impegno sia alle diverse direzioni dell’amministrazione comunale sia al gestore Hera. Un impegno costante su uno dei punti strategici e qualificanti di questa Amministrazione, ma direi dell’intera Città. La possibilità di passare dagli atti amministrativi del luglio scorso ai cantieri della prossima primavera è stata data dalla capacità di intercettare le risorse messe a disposizione del ‘Piano nazionale per le Città’. Si ricorderà infatti che la proposta del Comune di Rimini è risultata tra le 28 finanziate sulle dalla cabina di Regia per l’attuazione del Piano 457 presentate".

Risorse per 7.510.000 euro che la Giunta ha deciso di destinare completamente alle opere del Piano di salvaguardia della balneazione: 2.500.000 per il primo stralcio della “Dorsale Sud”; 5.010.000 per la vasca di laminazione ospedale Colonnella 1.” “Le buone notizie relative ai finanziamenti di una parte del PSBO da parte del Ministero portate mercoledì dal Ministro Orlando aumentano ancor di più la nostra determinazione nel perseguire l’obbiettivo di medio periodo della riduzione del 50% degli inquinanti a mare nel 2016 e quelli di lungo periodo con l’azzeramento degli inquinanti nel 2020”, conclude l’Assessore Visintin.”

La realizzazione della vasca di laminazione ospedale Colonnella 1 comporterà la costruzione di un volume di accumulo nell’area Centro Studi/Ospedale da 14.000 metri cubi: 4mila metri cubi a servizio dell’Ospedale, ponendo in sicurezza idraulica l’ambito ospedaliero che poteva essere pregiudicato con l’apertura dell’ampliamento del DEA; 10mila metri cubi a servizio idrografico della Fossa Colonnella 1, così come previsto dal Piano Generale del Sistema Fognario. La nuova vasca consentirà una regolazione puntuale tale da permetterne l'uso come vasca di laminazione delle piene al servizio del tessuto urbano evitando da un lato l'allagamento delle zone limitrofe, in quei casi in cui le piogge siano estremamente consistenti, dall’altro riducendo il numero di aperture dello scarico a mare Colonnella I grazie alla riduzione delle portate in arrivo alla sezione terminale della fossa.

La realizzazione del I stralcio della Dorsale sud ha invece lo scopo di ridurre l’impatto ambientale dello scolmatore di piena della fossa Colonnella 1, a Bellariva, riducendo le portate di acque di fognatura mista che giungono alla sezione di chiusura di questo bacino e, di conseguenza, la portata di inquinanti scaricati in mare in caso di apertura dello scolmatore. Il progetto stima una riduzione del 39% della portata di picco e del 27% in termini di volumi totali nel caso di una pioggia con tempo di ritorno di 10 anni. La realizzazione di questo nuovo collettore permetterà inoltre di garantire una maggiore affidabilità del sistema in termini d’invio alla depurazione delle portate di acque nere della zona Sud di Rimini grazie alla diminuzione dell’apporto di acque nere sui collettori fognari presenti sulla Via Flaminia.

Il collettore, dal diametro di 1600 millimetri, sarà posato ad una profondità media di 6 metri tra l'incrocio fra via Tripoli e via Roma fino a via Giuliani. Il diametro del collettore consentirà, inoltre, un utilizzo come piccolo volume di accumulo per laminare le portate di piena in caso di pioggia intensa. L'intervento avrà un costo stimato di circa 2.5 milioni di euro e sarà realizzato in 13 mesi di lavori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento