Piazza Malatesta: approvato il preliminare dell’intervento di scavo archeologico

Propedeutico al progetto di riqualificazione dell’intera Piazza Malatesta, l’intervento di scavo archeologico riguarda la realizzazione di scavi archeologici estensivi in una porzione della piazza, là dove in origine era l’area della Corte a Mare.

Passo in avanti per l’intervento di riqualificazione di piazza Malatesta. La Giunta comunale ha infatti approvato nella seduta di giovedì 20 novembre il progetto preliminare per l’intervento di scavo archeologico su piazza Malatesta.

Propedeutico al progetto di riqualificazione dell’intera Piazza Malatesta, l’intervento di scavo archeologico riguarda la realizzazione di scavi archeologici estensivi in una porzione della piazza, là dove in origine era l’area della Corte a Mare.

La finalità dello scavo archeologico estensivo approvato dalla Giunta è quella di documentare scientificamente quanto emergerà dall’area, individuando le mura interne di contenimento del fossato, i piani pavimentali della corte a mare del castello sismondeo, i resti di strutture in elevato.

Lo scavo estensivo è fondamentale ed indispensabile per operare scelte culturalmente coerenti nell’intervento di riqualificazione, quali quelle di lasciare a vista eventuali ritrovamenti.

L'area su cui si svolgerà la campagna di scavi archeologici è la porzione di circa 4.000 mq di piazza Malatesta adiacente a Castelsismondo e compresa tra le mura aggettanti verso via Circonvallazione occidentale, la cortina degli alberi lato teatro, e una piccola porzione verso palazzo Pellicioni attorno all’edicola.

Tutta l'area individuata sarà oggetto di uno scavo archeologico stratigrafico sistematico ed estensivo, che scenderà fino a una quota massima di - 50 cm dal piano di calpestio attuale, salvo diverse indicazione impartite dalla Soprintendenza Archeologica. Per meglio valutare la presenza, la consistenza e la profondità di eventuali depositi archeologici, sono già in fase di esecuzione cinque sondaggi preliminari, concordati con la Soprintendenza Archeologica dell'Emilia Romagna;

Le risultanze di tali sondaggi e le disposizioni della Soprintendenza Archeologica saranno recepite dal progetto definitivo-esecutivo di scavo con cui sarà possibile andare a bando per l’assegnazione dei lavori e iniziare l’intervento già nel mese di febbraio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al progetto preliminare dovranno dar seguito quello definitivo ed esecutivo di scavo archeologico con cui sarà possibile andare a bando per l’assegnazione dei lavori e iniziare l’intervento scientifico nel mese di febbraio/marzo 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento