menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pieni di benzina all'amante con la carta di credito aziendale

Latitante dopo la condanna, il malvivente è stato rintracciato a Rimini dal personale della polizia di Stato

Nel 2016 era stato condannato dal Tribunale di Roma in quanto ritenuto colpevole di appropriazione indebita ma lui, un romeno 46enne, da allora era latitante. Lo straniero, risutato risiedere in Germania, aveva fatto perdere le proprie tracce per poi rispuntare a Rimini nella giornata di domenica dove è stato fermato per un controllo dal personale della polizia di Stato. Dagli accertamenti è emerso che sullo straniero pendeva un mandato di cattura in quanto doveva scontare un anno di carcere per aver usato in maniera improria la tessera carburante aziendale. Il 46enne, secondo quanto accertato dal giudice, aveva più volte usato la scheda per fare il pieno all'auto dell'amante il tutto a scrocco della ditta per la quale lavorava. Il romeno, quindi, è stato portato in Questura per le pratiche di rito e poi trasferito nel carcere riminese dei "Casetti" per scontare la pena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Miti e leggende, i fantasmi del riminese

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento