Pizza stupefacente, nei guai due pizzaioli

Due giovani pizzaioli nei guai per detenzione ai fini di spaccio di droga. I Carabinieri di Riccione hanno arrestato nel cuore della nottata tra venerdì e sabato un bolognese di 20 anni

Due giovani pizzaioli nei guai per detenzione ai fini di spaccio di droga. I Carabinieri di Riccione hanno arrestato nel cuore della nottata tra venerdì e sabato un bolognese di 20 anni e denunciato a piede libero un 22enne di Taranto. Nell’ambito di un’attività investigativa, gli uomini dell’Arma hanno effettuato un controllo nei pressi dell’esercizio dove il 20enne bolognese lavorava. Quest’ultimo è stato notato parlottare all’esterno del locale con uno scooterista, consegnando un involucro.

Quindi i militari hanno deciso di fermare l’acquirente, trovandolo in possesso di 2,9 grammi di hashish acquistati poco prima per la somma di 27 euro. La contestuale perquisizione personale dello spacciatore 20enne, effettuata all’interno del locale, ha permesso di rinvenire e sequestrare ulteriori 11,3 grammi di hashish, nonchè rinvenire e sequestrare al pugliese 5 grammi di marijuana, 1,2 grammi di hashish ed appunti vari.

La successiva perquisizione dell’abitazione dello spacciatore 20enne di origine bolognese ha permesso infine di rinvenire e sequestrare altri 58,8 grammi di hashish, una piantina di marijuana, materiale per il confezionamento, la coltivazione e la produzione di marijuana, appunti pertinenti l’attività di spaccio e la somma contante di 87 euro, ritenuta provento dell’illecita attività.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento