Cronaca Torriana

Poggio Torriana: inizio anno scolastico per i più piccoli, il saluto dell’Assessore alla Scuola

Lunedì 13 settembre non è solo il primo giorno di scuola per i bambini e le bambine di Poggio Torriana che frequentano i due nidi comunali, le materne e le scuole primarie ma, per alcuni di loro, è anche il primo giorno di inizio di un percorso di formazione ed educazione

Lunedì 13 settembre non è solo il primo giorno di scuola per i bambini e le bambine di Poggio Torriana che frequentano i due nidi comunali, le materne e le scuole primarie ma, per alcuni di loro, è anche il primo giorno di inizio di un percorso di formazione ed educazione che durerà per i prossimi anni e che segnerà la loro vita per sempre. Per questa ragione l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Francesca Macchitella, intende condividere una sua riflessione di benvenuto dedicata in particolare ai cittadini più piccoli della comunità poggiotorrianese ma anche ai docenti e alle famiglie.

“Lunedì riaprono le loro porte i nidi, le scuole materne e le scuole primarie a Poggio Torriana; il mio pensiero va ai piccoli cittadini e cittadine che il 13 settembre sentiranno il primo suono della campanella. Sarà un altro anno inconsueto, perché l’emergenza sanitaria non è ancora terminata e anche i bambini dovranno convivere con alcune regole necessarie a tutelare la salute collettiva. MI auguro sia un anno sereno, all’insegna della sicurezza, dell’accoglienza, dell’inclusione, della formazione e della sete di conoscenza. Colgo l’occasione per dedicare a tutto il corpo docente una poesia del grande maestro Danilo Dolci, per mantenere vivo il dialogo costruttivo tra pubblica amministrazione ed istituti scolastici, instaurato negli anni ed indispensabile per affrontare insieme le criticità, i successi e per raggiungere nuovi obiettivi".

 

C'è chi insegna

guidando gli altri come cavalli

passo per passo:

forse c'è chi si sente soddisfatto

così guidato.

C'è chi insegna lodando

quanto trova di buono e divertendo:

c'è pure chi si sente soddisfatto

essendo incoraggiato.

C’è pure chi educa, senza nascondere

l'assurdo ch’è nel mondo, aperto ad ogni

sviluppo ma cercando

d'essere franco all'altro come a sé,

sognando gli altri come ora non sono:

ciascuno cresce solo se sognato.

  

Danilo Dolci

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poggio Torriana: inizio anno scolastico per i più piccoli, il saluto dell’Assessore alla Scuola

RiminiToday è in caricamento