Potenziamento della stazione ferroviaria di Riccione, i lavori procedono spediti

La prossima settimana inizieranno le attività di demolizione della pensilina del binario 1

Proseguono come da programma le attività dei cantieri di Rete Ferroviaria Italiana nella stazione di Riccione, al centro di un importante intervento di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. La prossima settimana inizieranno le attività di demolizione della pensilina del binario 1, che sarà successivamente ricostruita con caratteristiche analoghe a quella del binario 2 e adeguata alle nuove dimensioni della banchina. I lavori, avviati all’inizio di quest’anno, consentono infatti di ampliare (da 5 a oltre 8 metri) e innalzare (55 centimetri – standard europeo) il primo marciapiede, migliorando significativamente l’attesa dei treni e l’accesso ai convogli. Il nuovo assetto, per ora provvisorio, sarà reso definitivo con il completamento dei lavori alla pensilina. Il cantiere avanzerà per fasi per consentire la continuità del servizio sul binario 1 e un’adeguata porzione di marciapiede sempre disponibile ai viaggiatori.

Proseguono nel frattempo anche i lavori per il nuovo atrio di accesso alla stazione “lato mare” al cui interno è stato già realizzato il vano destinato all’ascensore di collegamento con il sottopassaggio. Previsto a novembre il montaggio della struttura in metallo e vetro attualmente in produzione. Un secondo ascensore è previsto sul primo marciapiede. Infine, interventi puntuali interesseranno la facciata esterna “lato monte” della stazione, per una maggiore armonizzazione con le aree rinnovate. Nei mesi scorsi era stato demolito il vecchio binario 3, non più in uso, sostituito dalla una nuova banchina a servizio del binario 2, con marciapiede più alto, percorsi tattili per ipovedenti e una nuova pensilina in acciaio con illuminazione a led.

Successivamente il vecchio secondo marciapiede è stato eliminato e il primo binario demolito e ricostruito a minore distanza dal secondo, recuperando così spazio per l’ampliamento del primo marciapiede. Ogni attività è stata accompagnata anche da interventi alla linea di alimentazione elettrica dei treni e agli impianti tecnologici e di segnalamento. I lavori in corso a Riccione rientrano nel più ampio piano di velocizzazione della direttrice Adriatica Bologna – Bari/Lecce, avviato da RFI per consentire ai treni passeggeri di raggiungere una velocità fino a 200 km/h e ridurre i tempi di viaggio, nonché permettere l’utilizzo della linea da parte di tutte le tipologie di treni merci. Fra gli interventi anche rettifiche di tracciato dei binari di ingresso nelle stazioni e upgrading tecnologico. Investimento 5 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Rimini usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento