Predoni della battigia, nel gruppo spunta un nordafricano clandestino

Arrestato per false dichiarazioni a un pubblico ufficiale sull’identità personale ed è stato per inottemperanza all’ordine del Questore di Brescia di abbandonare il territorio dello Stato

Nel pomeriggio di domenica il personale della Questura di Rimini, oltre agli agenti del reparto Prevenzione Crimine, sono intervenuti sulla spiaggia di Miramare dove erano state segnalate delle persone straniere sospettate di essere gli autori di furti perpetrati sulla battigia nei giorni scorsi. Le divise, arrivate sul posto, si sono trovate davanti tre nordafricani, tutti privi di documenti, e si è reso necessario portarli in Questura per identificarli. Tra questi è spuntato un 28enne marocchino che, dai controlli approfonditi, è emerso non essere in regola col permesso di soggiorno e, allo stesso tempo, di avere parecchi conti in sospeso con la Legge. Il nordafricano aveva fornito delle false generalità per nascondere il fatto di essere già stato colpito dal decreto di espulsione dal territorio nazionale con ordine del Questore di Brescia. Al termine degli accertamenti, il 28enne è stato arrestato per false attestazioni o dichiarazioni a un pubblico ufficiale sull’identità personale ed è stato indagato anche per l’inottemperanza all’ordine del Questore di Brescia di abbandonare il territorio dello Stato entro il termine previsto.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento