rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Bellaria-Igea Marina

Premio Panzini, fissata per il 26 febbraio la serata della nona edizione

L’annuncio ufficiale della data avviene contestualmente alla pubblicazione dell’avviso pubblico con cui si riapre la finestra temporale per coloro che vogliano segnalare all’Amministrazione soggetti meritevoli

La prossima edizione del Premio Panzini si svolgerà sabato 26 febbraio 2022 al Palacongressi di Bellaria Igea Marina, di fatto ‘allineando’ a quella del prossimo anno, anche l’edizione 2021. “Edizione che, a causa della pandemia è stata inizialmente oggetto di rinvii. Poi, visto il perdurante stato di emergenza, abbiamo congelato ogni valutazione evitando salti in avanti, riservandoci di prendere una decisione definitiva una volta giunti verso la fine dell’anno”, le parole del Sindaco Filippo Giorgetti. “Premesso questo”, continua, “riteniamo che in questo momento sia opportuno avere altre priorità, concentrarci su un’uscita più rapida possibile dall’emergenza anche e soprattutto per il nostro tessuto economico, evitando occasioni come quella rappresentata dal Premio Panzini: che saremmo comunque nelle condizioni di programmare e svolgere in forma ridotta rispetto al tradizionale bagno di folla che la manifestazione porta con sé. Confermiamo quindi quell’orientamento che aveva cominciato a prevalere nelle ultime settimane, legato anche a un’altra considerazione: ossia il rischio di avere due edizioni estremamente ravvicinate, in contrasto con la natura stessa del premio e rischiando il depauperamento, in termini di interesse e di valore, dell’appuntamento di febbraio.”
 
L’annuncio ufficiale della data che vedrà celebrare la 9^ edizione del Premio Panzini, avviene contestualmente alla pubblicazione dell’avviso pubblico con cui si riapre – con scadenza fissata al 30 dicembre – la finestra temporale utile per coloro che vogliano segnalare all’Amministrazione soggetti meritevoli. A tal proposito si ricorda che il premio può essere assegnato a soggetti nati, residenti oppure operanti nel Comune di Bellaria Igea Marina, per una delle seguenti casistiche: a coloro, singoli cittadini o gruppi/associazioni che abbiano compiuto atti o gesti di comprovata bontà nei confronti del prossimo e nel campo del volontariato sociale, nonché singoli episodi meritevoli di premio da parte della collettività; a coloro che si siano distinti, con opere concrete nel campo della cultura, della scienza, dell’arte o con iniziative di carattere filantropico che abbiano dato lustro al Comune di Bellaria Igea Marina; a coloro che si siano distinti nel campo dell’imprenditoria, del commercio, dell’industria e del lavoro, favorendo la crescita produttiva della comunità bellariese; a coloro che, nella vita quotidiana, nell’impegno sociale, politico, religioso e nello svolgimento della propria attività lavorativa abbiano evidenziato tangibili segni di altruismo, di solidarietà e di promozione alla persona; a coloro che, singolarmente o in gruppo, si siano evidenziati per lo sviluppo ed il miglioramento dei servizi a disposizione della comunità bellariese, per la salvaguardia dell’ambiente e per la tutela paesaggistica del territorio. Si sottolinea altresì che la Giunta può assegnare il premio anche a coloro che l’hanno già ricevuto negli anni precedenti, qualora fossero intervenute nuove motivazioni, o in memoria a persone decedute.
 
Le segnalazioni giunte sul tavolo dell’Amministrazione gli scorsi mesi e legate a quella che sarebbe dovuta essere l’edizione 2021, non devono essere ripresentate e confluiranno nel pacchetto al vaglio della Giunta per la serata del prossimo 26 febbraio. Si sottolinea inoltre che, da regolamento, è contemplata la possibilità di assegnare più premi nel corso dello stesso anno. Così è stato anche nell’ultima edizione del febbraio 2020, nella quale al riconoscimento principe, che ha incoronato Giovanni Crociati, storico cardiologo della città, sono stati affiancati tre premi identificati come “Bellaria Igea Marina e la sua storia”, “Bellaria Igea Marina nel mondo” e “Bellaria Igea Marina e il suo futuro”.

 
La manifestazione, di recente istituzione ma già molto sentita dalla comunità, è nata nel 2013, quando il primo Premio Panzini venne conferito al soprano Gladys Rossi; ne hanno raccolto l’eredità, negli anni successivi, il fondatore dell’azienda Bimare Michelangelo “Lallo” Petrucci, la missionaria Sara Foschi, l’ex direttore di Iccrea Holding Roberto Mazzotti, Maurizio Salvi, luminare di chirurgia toracica, il fondatore di Pubblica Assistenza Croce Blu Daniele Grosseto e Gabriele Procucci, Colonnello della Guardia di Finanza che si è aggiudicato il Premio Panzini nel 2019.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio Panzini, fissata per il 26 febbraio la serata della nona edizione

RiminiToday è in caricamento