Prende a fucilate i piccioni davanti a casa, denunciato "cacciatore di frodo"

La carcassa del volatile impallinato arrivata a sfiorare una passante che ha chiamato le forze dell'ordine

L'avversione per i piccioni davanti a casa gli è costata una pesante denuncia da parte delle forze dell'ordine. L'uomo, residente in via Simbeni a Rimini, aveva impallinato un volatile ma, la carcassa, ha anche colpito una passante che ha chiamato il 113. Sul posto sono intervenuti gli agenti i quali, dopo aver recuperato i resti del povero piccione, sono risaliti fino all'autore degli spari trovandolo in possesso di una carabina e di una pistola ad aria compressa. L'improvvisato cacciatore ha raccontato di essere un ufficiale dell'esercito e di utilizzare le armi per allontanare i volatili che, posandosi sui terrazzi, sporcavano con il loro guano. Messo alle strette, però, l'uomo ha ammesso di essere stato nelle forze armate quando aveva svolto il servizio di leva obbligatorio. Alla fine, il tiro al piccione è costato all'uomo la denuncia a piede libero per usurpazione di titolo, furto venatorio, getto pericoloso di cose e una serie di illeciti previsti dalle norme sulla caccia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento