rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

Presentata con successo la prima edizione dell'almanacco di Rimini

Il primo tomo del volume “Rimini perché”, un prezioso documento di oltre cinquecento pagine corredate di immagini d’epoca e testi che è costato oltre due anni e mezzo di lavoro

Si è svolta presso la Sala del Giudizio del Museo di Rimini la presentazione l’almanacco illustrato della città, un progetto ideato e curato dal “tipografo” Attilio Giusti. Sala gremita, tanto da lasciare spettatori e curiosi accorsi in piedi, e più di 1000 copie prenotate, ancor prima della distribuzione del volume. La cerimonia di presentazione del volume è stata presieduta dal Sindaco Andrea Gnassi, il quale ha sottolineato l’importanza del ruolo attivo della cittadinanza nella definizione della storia futura di Rimini: “Se siamo figli, siamo anche eredi”, ha dichiarato, continuando: “La parola ‘almanacco’ mi ricorda le figurine. E in quest’almanacco ritrovo la mia famiglia, ritrovo le immagini di uomini e di donne che hanno consentito a noi, adesso, di prendere tutta la nostra storia, nei suoi aspetti più grandiosi e nei suoi limiti e di capire che essa va letta e custodita. In quelle pagine c’è un insegnamento, un monito: non dobbiamo essere discendenti e basta, che quello che abbiamo proviene dalla fatica di altre persone. Questa consapevolezza è contenuta in questo libro che, per quanto mi riguarda, da oggi sarà sulla mia scrivania in ufficio. Grazie Attilio.”

Alla presentazione sono intervenuti gli autori dei diversi capitoli: Alessandro Catrani, autore del capitolo 1900-1940, che espone la nascita del “mito” di Rimini; Paolo Zaghini, che ha scritto del tragico dopoguerra riminese; Pietro Caruso, che ha descritto il periodo d’oro a partire dagli anni Sessanta; Luca e Antonio Ioli, che si sono invece occupati della storia più moderna dal finire degli anni Ottanta; Fabio Tomasetti, che ha curato la rassegna storico-geografica della città; Massimo Pulini, Angela Montebelli, Orietta Piolanti e Orietta Maroni, che hanno scritto del Museo, della Domus e della Biblioteca; Roberto Venturini, autore del capitolo sul Porto; Andrea Albini, che ha firmato quello sulla spiaggia; Attilio Gardini, Leonina Grossi, Giorgio Betti e Giorgio Giovagnoli, che hanno contribuito al volume scrivendo del turismo, delle pari opportunità, dello sport e della Fiera riminesi.  Il primo tomo del volume “Rimini perché”, un prezioso documento di oltre cinquecento pagine corredate di immagini d’epoca e testi che è costato oltre due anni e mezzo di lavoro, verrà finalmente distribuito in libreria a partire da questa settimana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentata con successo la prima edizione dell'almanacco di Rimini

RiminiToday è in caricamento