Santarcangelo, "Era un parcheggio": sabato la presentazione pubblica del percorso partecipativo

Il progetto “Era un parcheggio” ha coinvolto tutte le classi quarte della scuola Pascucci in dieci incontri da due ore ciascuno, per un totale di 100 ore, alle quali vanno sommate 120 ore di coordinamento progettuale e 200 di rielaborazione dati

Sabato alle 17 saranno presentati nella sala Baldini della biblioteca comunale di Santarcangelo i risultati del percorso di progettazione partecipata “Era un parcheggio” in un incontro pubblico aperto a tutta la città. L’iniziativa arriva a conclusione del progetto nato dall’intenzione dell’amministrazione comunale di restituire una nuova funzionalità allo spazio di sosta di viale Mazzini, chiuso da qualche mese per eliminare i pericoli che si determinavano per chi percorreva la pista ciclo-pedonale.

I curatori del progetto Manolo Benvenuti (architetto e artista) e Stella Mecozzi (vicepresidente e progettista della cooperativa Mani Tese onlus) hanno quindi sviluppato un percorso che ha coinvolto nella progettazione 114 bambini e bambine delle classi quarte della scuola elementare Pascucci, con l'obiettivo specifico di elaborare una proposta sulla base dei bisogni e delle esigenze dei futuri fruitori, sviluppando un progetto educativo e sociale. I risultati finali del percorso, che gli alunni della Pascucci hanno presentato all’amministrazione comunale lo scorso 14 aprile, sono in mostra da alcune settimane nella galleria Baldini della biblioteca: l’esposizione può essere visitata ancora per qualche giorno, dal momento che si concluderà proprio sabato 7 maggio, negli orari di apertura della biblioteca (lunedì-giovedì ore 13-19, venerdì-sabato 8,30-19, giovedì anche 21-23).

Il progetto “Era un parcheggio” ha coinvolto tutte le classi quarte della scuola Pascucci in dieci incontri da due ore ciascuno, per un totale di 100 ore, alle quali vanno sommate 120 ore di coordinamento progettuale e 200 di rielaborazione dati. Il percorso si è articolato in diverse fasi, dalla presentazione dell’esperienza alle ricerche per conoscere il luogo e la sua storia, fino alla raccolta e all’elaborazione dei dati, per poi passare alla fase progettuale vera e propria. I risultati del percorso partecipato – compreso il plastico dell’area nato dalle idee e dalle proposte degli alunni per la creazione di un’area gioco e relax ispirata alla natura – sono esposti in mostra insieme a un’accurata spiegazione del progetto e delle varie fasi che hanno portato alla sintesi finale

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento