Presi gli assi delle spaccate: per ogni colpo un maxi bottino

Sgominata dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini che tra settembre e gennaio hanno messo a segna una decina di colpi tra negozi, oreficerie e ditte di abbigliamento tra Romagna, Toscana, Marche ed Umbria

Sgominata dagli agenti della Squadra Mobile di Rimini che tra settembre e gennaio hanno messo a segna una decina di colpi tra negozi, oreficerie e ditte di abbigliamento tra Romagna, Toscana, Marche ed Umbria. Le manette sono scattate per un 37enne bosniaco, due 40enni serbi ed un italiano di 48 anni d'origine Svizzera. Denunciati a piede libero due bosniaci, un 33enne e la moglie 40enne, che si occupavano di piazzare la refurtiva.

Tre componenti della banda erano stati già arrestati mentre stavano per mettere a segno un furto in una ditta di abbigliamento ad Ancona. Gli inquirenti, che hanno avviato l'attività investigativa dopo un colpo da 50mila euro commesso in un laboratorio orafo in via Montefeltro, hanno appurato che la base logistica della banda era Rimini. Le indagini hanno permesso di chiarire che la banda organizzava i furti non prima di effettuare un attento sopralluogo della ditta da colpire.

Durante la fase operativa, provvedevano a rubare auto e furgoni, che venivano utilizzati per coprire il tragitto tra il luogo del furto e l'area dove veniva parcheggiata l'auto "pulita", utilizzata per tornare nel "covo" riminese. I mezzi rubati sono stati già riconsegnati ai legittimi proprietari. Così come parte della refurtiva. La Squadra Mobile ha stimato che per ogni furto veniva rubata merce per un valore tra oltre 20mila euro.

I sei erano già noti alle forze dell'ordine per  furti, rapine e falsità materiale. Uno degli arrestati era destinatario di due ordinanze di custodie cautelari in carcere: dovrà scontare infatti circa 13 anni di reclusione. L'italiano aveva un obbligo di firma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento