Preso il rapinatore della Banca Popolare Valmarecchia di via regina Elena

Il malvivente, armato con un collo di bottiglia, era entrato nell'istituto di credito riuscendo poi a portare via 22mila euro. Era uno slavo residente a Riccione

Era entrato in azione nella mattinata del 22 luglio 2013 quando, verso le 11, armato con un collo di bottiglia aveva fatto irruzione nella filiale di via regina Elena della Banca Popolare Valmarecchia. In quella occasione il malvivente, dopo aver minacciato i dipendenti, era riuscito a far sparire dalle casse 22mila euro per poi fuggire facendo perdere le proprie tracce. Sul posto erano intervenuti i carabinieri per effettuare i rilievi di rito e, dopo 8 mesi di indagini, gli inquirenti dell'Arma sono riusciti ad identificare l'autore della rapina. Il malvivente, uno slavo residente a Riccione, nel frattempo era già stato arrestato per altri reati e, nel pomeriggio di ieri, i militari dell'Arma gli hanno notificato un nuovo ordine di carcerazione presso la casa circondariale di Bologna, dove è detenuto già da alcuni mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento