Le 'polpette di mammà' come a casa: la prima polpetteria della Romagna apre a Rimini

Le polpette migliori d'Italia? Si mangiano a Rimini. Almeno secondo quanto decretato dagli "affamati assaggiatori" durante la prima edizione del "Festival Internazionale delle polpette"

Le polpette migliori d'Italia? Si mangiano a Rimini. Almeno secondo quanto decretato dagli "affamati assaggiatori" durante la prima edizione del "Festival Internazionale delle polpette", che si è tenuto a Milano a ottobre 2017. Ha inaugurato venerdì in via Madonna della Scala a San Giuliano mare 'Per la Polpetta', la prima "polpetteria" della Romagna che propone piatti di ogni tipo tutti in chiave 'polpetta'.

Tutto è partito, come spesso succede in questi casi, da una golosa tradizione di famiglia: "Io sono romagnolo, ma mia madre che ha 52 anni è calabrese - racconta Franco, uno dei soci dell'attività - Al sud c'è questa tradizione importantissima: può succedere qualunque cosa, ma la domenica ci si ritrova tutti insieme a tavola a mangiare polpette di carne fritte. E mia madre ha "ereditato" tante ricette a base di polpette da sua nonna, che a sua volta le aveva ricevute dalla nonna e così via. A ottobre 2017 un po' per caso io, mia madre e mia zia abbiamo deciso di partecipare a questo festival a Milano: quando siamo arrivati ci siamo resi conto che i nostri avversari erano chef famosissimi, gente che era stata ospite a Masterchef e aveva dei 'truck' giganti, mentre noi avevamo appena due tavolini. Alla fine però di fronte al nostro stand si è formata una fila enorme e abbiamo fatto sold out tutte e tre le giornate, passando le nottate a preparare centinaia e centinaia di polpette. Finito il weekend gli organizzatori del festival hanno fatto il conteggio dei ticket consumati nei vari stand, e noi eravamo quelli che ne avevano raccolti di più: non ci potevamo credere, avevamo vinto!".

perlapolpetta1-2

Da quell'esperienza è nata subito l'idea di 'cambiare vita': "Io mi stavo laureando in psicologia - spiega il 23enne - ma continuando a studiare ho deciso di aprire l'attività. Mia mamma ha iniziato subito a fare dei corsi per poter preparare e vendere il cibo. A noi si è unito il mio amico Stefano, che ha 25 anni, e Davide, imprenditore 30enne di Morciano. Anche i genitori di Davide sono del sud Italia, la nostra cucina quindi risente molto delle influenze della cucina meridionale".

Prima di trovare casa in pianta stabile a Rimini, però, la squadra di "polpettari" ha girato per tutta Italia e anche all'estero. "Giravamo con il nostro truck - continua Franco - ma spesso le persone ci dicevano "Le vostre polpette sono buonissime, ma non riusciamo mai a incontrarvi". C'era richiesta di un posto fisso insomma, e noi non riuscivamo a soddisfarla. Poi dovevamo sempre affrontare problemi quali l'incertezza del meteo che spesso ci ha fatto saltare degli eventi o anche la disorganizzazione di certe serate, in cui magari un evento organizzato male ci penalizzava. Così abbiamo preso questo piccolo laboratorio, che ormai era diventato indispensabile anche per fare le preparazioni prima delle serate visto che facevamo sempre "sold out" e non riuscivamo più a preparare tutto sul momento. Parlo di laboratorio perchè non vogliamo essere il "classico ristorante", ma più una sorta di piccola-grande casa aperta a tutti, anche solo per bersi una birra o fare due chiacchere. Nello stesso tempo, però, continueremo a fare eventi in giro con un secondo staff di persone".

polpette1-2

I piatti che si possono assaggiare nel locale, naturalmente, hanno tutti per protagonista la pallina di carne più amata del mondo: "Il nostro piatto forte sono sicuramente le polpette al sugo, ma anche quelle fritte - spiega il giovane chef - Molto richiesto è anche il panino con polpette al sugo e stracciatella, o quello che io chiamo "panino terrone" con la parmigiana di melanzane. Ma proponiamo anche primi piatti come strozzapreti o lasagne con polpette e anche polpette vegetariane, vegane e di pesce, come quelle di tonno o quelle con gamberi, zucchine e curry. Ogni giorno mia mamma va a fare la spesa e a seconda di quello che la ispira in quel momento si inventa qualcosa di nuovo, proprio come succede a casa".

polpette2-2

I ragazzi sono determinati e non si fanno fermare dalla paura della crisi: "Vediamo tutti i giorni negozi che chiudono - conclude Franco - La paura c'è, dire che non ne abbiamo sarebbe da stupidi. Ma la nostra voglia di farcela è più grande della paura. Siamo dell'idea che se ci facciamo "affossare" da questa paura non cresceremo mai. Quindi ci buttiamo, anche perchè siamo convinti della qualità del nostro lavoro".

perlapolpetta-2

Potrebbe interessarti

  • Pulire i vetri: addio agli aloni su finestre e specchi

  • "Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

  • Stop al sudore: come scegliere il deodorante giusto per la tua pelle

  • Gli odori, i ricordi, il marketing e la Sindrome di Proust

I più letti della settimana

  • Fulmine centra azienda agricola, vasto incendio nel deposito delle rotoballe

  • Investimento mortale sulla linea ferroviaria, stop ai treni sulla linea adriatica

  • Lui, lei e l'altro, il triangolo amoroso finisce con pugni e schiaffi nel parco

  • Il Sole 24 ore incorona Rimini come capitale dell’italian lifestyle

  • Perde il controllo e si schianta contro un albero, centauro deceduto sul colpo

  • A Miramare gli hotel dell'orrore: strutture in pessime condizioni igienico sanitarie

Torna su
RiminiToday è in caricamento