Progetto "Rifugiato a casa mia" di Caritas e Ufficio diocesano

Prevede l'accoglienza da parte della comunità parrocchiale di un piccolo numero di profughi

Da qualche mese diverse parrocchie stanno riflettendo su come realizzare il progetto “Parrocchia accogliente”, proposto dal Vescovo come una delle “Opere Segno” per l'anno della Misericordia e della Missione. Il progetto prevede l'accoglienza da parte della comunità parrocchiale di un piccolo numero di profughi. La Caritas Diocesana di Rimini, in collaborazione con l’Ufficio diocesano per la Pastorale della Famiglia, accogliendo la proposta di Caritas Italiana, lancia un nuovo progetto che non sostituisce ma si affianca al primo. Si tratta di un progetto dal titolo esplicativo: "Protetto. Rifugiato a casa mia". Si propone, infatti, l’accoglienza di un profugo beneficiario di protezione internazionale all’interno di una famiglia. La Caritas cerca sei famiglie disponibili ad aprire la propria casa a sei ragazzi profughi (uno per famiglia) e a sperimentarsi nell’accoglienza di persone provenienti da contesti e culture diverse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coloro che vengono proposti per l’accoglienza sono già stati accolti e seguiti dalla Caritas e ora sono al terminedel loro progetto; per aiutarli maggiormente nel loro cammino di integrazione e di raggiungimento di una maggiore autonomia, si è pensato che l’esperienza di crescita più efficace fosse quella all’interno di un contesto familiare, luogo privilegiato di relazione e di crescita. Il progetto prevede un periodo di accoglienza di 6 mesi (eventualmente prorogabile), durante il quale la Caritas accompagnerà la famiglia nell’attività di accoglienza con momenti di verifica e supporto continui. Si tratta di un progetto ambizioso, riassumibile in due parole chiave: “accoglienza diffusa” e “integrazione”; “Protetto. Rifugiato a casa mia” mette insieme rifugiati e famiglie che avranno l’opportunità di sperimentarsi nell’accoglienza. Non si tratta, quindi, di offrire solo una soluzione a problema del vitto e dell’alloggio, ma di accompagnare le persone accolte in casa a diventare autonome e a inserirsi gradualmente nel contesto sociale. Contemporaneamente, la casa che accoglie diventa segno tangibile di integrazioni possibili e a misura di ogni persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento