Progetto Scintilla contro l'ordinanza anti-alcol: "Si attacca la socialità"

"Ancora una volta, col pretesto della lotta al degrado si attacca la socialità dei giovani e meno giovani che quei posti lì vivono quotidianamente, non come semplici consumatori", esordiscono

Progetto Scintilla contro la nuova ordinanza anti-alcol nel centro storico. "Ancora una volta, col pretesto della lotta al degrado si attacca la socialità dei giovani e meno giovani che quei posti lì vivono quotidianamente, non come semplici consumatori - esordiscono -. Come Progetto Scintilla, insieme a tante persone abbiamo presentato per ben due volte un ricorso contro queste ordinanze. Assieme alla battaglia legale abbiamo agito sul territorio, creando momenti di confronto con assemblee, serate di raccolta fondi per pagare i ricorsi, sfidando il divieto con musica e socialità proprio nei luoghi in cui le istituzioni descrivevano una situazione di degrado. In realtà quella che si vuole colpire è proprio la socialità libera dalle logiche di mercato e così stigmatizzata".

"L'emergenza causata dalla pandemia ha portato ad un'ulteriore occupazione di suolo pubblico da parte delle imprese tramite il fiorire di dehors e l'occupazione degli spazi pubblici della Vecchia Pescheria, dirottando sempre più le relazioni e la vita sociale all'interno della logica degli esercenti. Lungi da noi auspicare assembramenti o deresponsabilizzare dalle sacrosante logiche di tutela della salute. Continuiamo però a chiederci se la posta in gioco qui sia veramente per il Comune la tutela della salute o semplicemente la logica di una città sempre più ripulita ad uso e consumo dei privati", viene aggiunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I luoghi e gli spazi delle città sono fatti per essere vissuti, ed è bene tutelare un socialità libera, nel rispetto dell'altro e difenderci più che mai dall'idea delle piazze come vetrine e dei rapporti sociali ridotti alla sola logica del consumo - proseguono -. Continuiamo a dire con forza che la città appartiene a tutti, a chi ci vive, chi ci lavora. Ci chiediamo inoltre se i problemi legati al uso di alcool si risolvano meramente vietando, senza parlare di occupazione, welfare e inclusione che sono reali possibili soluzioni per arginare il problema, per di più in un momento storico come questo dove la pandemia ha fatto emergere le tante contraddizioni della nostra società. Ricordiamo, con un esempio concreto, che chi si riempie la bocca con la parola decoro, ovvero i nostri amministratori fecero chiudere l'unico bagno pubblico presente in centro, con evidenti risultati spiacevoli. Non tolleriamo il modo monocratico e totalmente alieno all'ascolto delle problematiche fatte emergere da chi la città la vive da parte di questa amministrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento