Aumentano le prostitute bulgare. Calano quelle romene

Aumentano le prostitute bulgare, mentre diminuiscono quelle romene. E’ quanto emerge dai controlli effettuati dagli agenti della Volante della Questura di Rimini

Aumentano le prostitute bulgare, mentre diminuiscono quelle romene. E’ quanto emerge dai controlli effettuati dagli agenti della Volante della Questura di Rimini. Nella nottata tra lunedì e martedì, i poliziotti hanno intensificato i controlli lungo la Statale 16 Adriatica, via Popilia, viale Regina Elena e Viale Principe di Piemonte. Sono stati identificate nove prostitute, sei delle quali che sono state denunciate a piede libero per inottemperanza al foglio di via.

Si tratta di due bulgare, due romene e due ungheresi, rispettivamente tra i 20 ed i 35 anni. Mentre a Procura ha smontato l’ordinanza anti-prostituzione firmata il 13 dicembre scorso dal sindaco Andrea Gnassi, la Polizia non ha abbassato la guardia contro il fenomeno, proprio come auspicato dal primo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento