menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prostituzione maschile, blitz nella notte nei parcheggi di via Flaminia Conca

Nel corso del servizio i Carabinieri hanno identificato e, dopo i controlli di rito, allontanato dalla zona una decina di ragazzi dell'età compresa tra i 19 e i 25 anni, tutti stranieri di etnia rumena, dediti alla prostituzione

A seguito delle numerose segnalazioni giunte sia al '112' che presso la Stazione Carabinieri di via Carlo Alberto dalla Chiesa da parte di cittadini  esasperati dal continuo viavai molesto di autovetture e da rapporti sessuali consumati nei parcheggi, i Carabinieri di Rimini hanno effettuato la notte scorsa un ampio servizio volto a contrastare il fenomeno della prostituzione maschile. Le zone interessate alle attività sono state via Fantoni e le aree di parcheggio di via Flaminia Conca .

PROSTITUZIONE MASCHILE - Nel corso del servizio i Carabinieri hanno identificato e, dopo i controlli di rito, allontanato dalla zona una decina di ragazzi dell’età compresa tra i 19 e i 25 anni, tutti stranieri di etnia rumena, dediti alla prostituzione, identificando altresì svariati clienti, tutti uomini adulti, giunti in auto, la maggior parte da fuori provincia.

SENZATETTO TRA I CESPUGLI: "VIVO CON I GRATTA E VINCI" - Tra i cespugli i militari hanno anche trovato un senza tetto originario del foggiano, che ha dichiarato di “sbarcare il lunario” cercando nei cestini della spazzatura gratta e vinci usati vincenti sfuggiti a disattenti giocatori. Con questo sistema ha ammesso pacificamente di riuscire a racimolare quel poco che gli basta per sopravvivere.  I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni.

FAMIGLIA IN UN'AREA SOTTERRANEA - Nel corso delle attività, a seguito di specifica segnalazione, i Carabinieri si sono portati anche nel piazzale antistante il Tribunale dove, in una zona sotterranea non agibile, i militari hanno trovato un intero nucleo familiare di nazionalità ghanese composta da marito, moglie e cognato che aveva stabilito la propria dimora, allestendo un vero e proprio “appartamento” con tanto di bombola di gas, piatti e suppellettili vari. I Carabinieri dopo i controlli di rito hanno accompagnato i tre stranieri all’esterno della struttura che verrà bonificata e messa in sicurezza quanto prima anche perché ritenuta potenzialmente pericolosa. I tre, dopo essere stati deferiti a piede libero per invasione di edifici pubblici, saranno segnalati ai servizi sociali del comune per individuare una soluzione alloggiativa ed assistenziale idonea.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento