rotate-mobile
Cronaca Riccione

Pubblico da stadio per l'esordio dei nuovi consiglieri. Angelini: "Sarà una rinascita dopo anni difficili"

Primo consiglio comunale a Riccione dopo le elezioni. Simone Gobbi eletto all'unanimità Presidente del Consiglio. Cecchetto: "Io collaboro". Caldari: "Disponibili a dialogare, minoranza esperta e preparata"

Lavoro, sicurezza, sostenibilità ambientale. Sono questi i tre focus chiave contenuti nel documento programmatico che le neo sindaca di Riccione Daniela Angelini ha esposto giovedì sera (7 luglio) durante l’esordio tra i banchi consiliari. Dinnanzi a una foltissima platea, con ogni posto andato occupato e molti cittadini assiepati in piedi, ha fatto esordio il nuovo consiglio comunale dopo le elezioni. Volti distesi e tanti buoni propositi in quello che è stato un avvio all’insegna della cordialità, nonostante gli accesi toni di una campagna elettorale giudicata poi alla fine da tutti “leale”. Uno tra i momenti più toccanti è stata la nomina nel neo presidente del Consiglio, carica che va a Simone Gobbi, che va all’incasso con 24 voti favorevoli, unanime. A occupare il ruolo di vice presidente sarà invece Laura Galli.

Riccione, primo consiglio comunale dopo la vittoria alle urne di Daniela Angelini

Gobbi nel discorso di insediamento, che ha strappato gli applausi di tutto il consesso, ha fatto leva soprattutto su termini come “legalità”, “rispetto delle idee altrui” ed “educazione alla condivisione”. E rivolgendosi ai consiglieri di maggioranza si è appellato chiedendo di “non bocciare tutto a priori”, dedicando un segnale di apertura a una minoranza che sarà “esperta, preparata e competente”, come ha sottolineato Stefano Caldari in un discorso nel quale non sono mancate le congratulazioni alla neo sindaca. Il candidato alla carica di primo cittadino Claudio Cecchetto ha chiaramente spiegato di essere aperto “per una collaborazione”.

La sindaca Daniela Angelini ha tracciato quelle che saranno le priorità per Riccione. Si è soffermata sul tema della sicurezza spiegando che arriveranno “nuove telecamere, rinforzi alla Polizia locale, servizi in orario notturno e potenziamento dell’illuminazione pubblica”. Prevedendo una riorganizzazione della macchina comunale, Angelini si è poi addentrata su molti temi programmatici. Come ad esempio: “soluzioni per il rilancio delle ex colonie, accesso per le persone con disabilità all’arenile, più parcheggi scambiatori, attenzione alla sostenibilità ambientale, alle piste ciclabili e alla gestione dei rifiuti”. La neo prima cittadina ha poi puntualizzato che sarà la sindaca di tutti e che se oggi a Riccione è tornato a governare il centro sinistra è per merito della “riuscita alleanza tra forze politiche e civiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblico da stadio per l'esordio dei nuovi consiglieri. Angelini: "Sarà una rinascita dopo anni difficili"

RiminiToday è in caricamento