Cronaca

Quasi 7mila chilometri percorsi dai volontari della Croce Rossa per consegnare le medicine

In totale sono 711 gli interventi svolti dai soci della Cri tra Rimini e i paesini della Valmarecchia

Quasi 7000 chilometri percorsi dall’inizio dell’emergenza Covid, trasportando farmaci a malati di Covid 19 o in quarantena, ad anziani o disabili, a Rimini come nelle case più isolate della Valmarecchia. Tanti chilometri per 711 interventi del servizio Pronto Farmaco svolti da decine di soci e centinaia di volontari temporanei del comitato riminese della Croce Rossa Italiana. Il quale, a un mese dall’inizio dell’emergenza ha attivato numerosi servizi per i residenti come per i senza fissa dimora attraverso le unità di strada, nel segno di una delle parole chiave dell’organizzazione ultrasecolare di soccorso: Umanità.

Il tutto con il solo aiuto delle donazioni, essendo il comitato riminese, come tutti quelli italiani Cri, un’Organizzazione di Volontariato (ODV). "Mezzi, carburante ma soprattutto i dispositivi di protezione individuale vengono forniti anche grazie alle donazioni di enti, banche, aziende - spiega Rita Rolfo, presidente del comitato di Rimini Cri – come da privati cittadini, sia attraverso sottoscrizioni sia attraverso azioni concrete. Come l’operazione “Uovo di pasqua”: con una donazione consigliata di una decina di euro sul conto corrente IT84Q0306909606100000139758 e causale Uovo di Pasqua un volontario consegnerà un uovo di cioccolata Paluani con il logo CRI a una famiglia bisognosa, che il donatore può segnalarci via mail a segreteria@cririmini.it con i dati del bonifico, nome, cognome e codice fiscale, per la ricevuta. E’ un modo per sostenere il servizio Pronto Farmaco, il lavoro dei volontari e per avvicinare le persone nonostante la distanza sociale alla quale siamo costretti".

Alcuni numeri dei servizi attivati in collaborazione con il Comune di Rimini, l'Unione della bassa e alta Valmarecchia e AUSL Romagna. In totale sono 711 gli interventi svolti dai soci della Cri, "insieme ad alcuni dei volontari temporanei che in queste settimane hanno superato la formazione on line e ora completano la loro formazione in affiancamento. - spiega Rosalba Cordaro, coordinatrice dei volontari temporanei insieme a Valerio Sanseverino - Altri volontari temporanei attendono di entrare in azione, abbiamo oltre 200 domande. Ma è solo questione di tempo: è fondamentale formarli adeguatamente per poter esser d’aiuto agli altri in completa sicurezza".

Di questi 711 interventi 467 sono quelli del Pronto farmaco a Rimini. Ogni giorno soci e volontari temporanei portano farmaci a pazienti malati di Covid-19 o in quarantena, ad anziani sopra i 65 anni che vivono soli o senza rete familiare, a disabili che non hanno aiuti familiari e a persone indigenti. Altri 164 interventi alle stesse categorie di persone nei comuni dell’intera Valmarecchia, totalizzando 2813 chilometri. A questi numeri si sono affiancati per un periodo limitato i trasporti con automezzo CRI e un autista soccorritore di un medico per conto dell’Azienda Usl, per filtrare a casa le persone che presentavano sintomatologie Covid 19 o influenzali.

"In questo periodo così denso di informazioni, emozioni, e soprattutto di attese per notizie confortanti – dice Rita Rolfo – i servizi svolti sono un segno di tangibile presenza e umanità. Per noi, per i volontari temporanei e per la popolazione: tanti aspettano l’arrivo delle medicine per ricevere una parola gentile. La Cri chiama queste azioni “Il tempo della gentilezza”: è la necessità per noi di accogliere le paure e di stringere in un abbraccio simbolico tutti coloro che stanno affrontando questa epidemia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi 7mila chilometri percorsi dai volontari della Croce Rossa per consegnare le medicine

RiminiToday è in caricamento