Rifiuti, Morciano ripensa l’organizzazione: "Spariranno le discariche a cielo aperto"

"Sempre a tutela del cittadino, nel rispetto dell’ambiente e dei suoi luoghi, si è chiesto di aumentare la frequenza degli svuotamenti dei cassonetti dell’indifferenziata", commenta il Comune

Buone notizie in arrivo a Morciano sul fronte rifiuti diventato negli ultimi anni un problema non da poco. L’incontro di martedì scorso voluto dal neoeletto sindaco di Morciano Giorgio Ciotti fra i tecnici del Comune e i responsabili di Hera darà i suoi frutti già nei prossimi giorni quando tutti i vecchi cassonetti verranno sostituiti per metter fine al comportamento non virtuoso di chi, approfittando della rottura delle calotte, conferiva i rifiuti senza l’utilizzo dell’apposita chiavetta elettronica, contribuendo a formare in tante zone piccole discariche a cielo aperto.

"Sarà un modo per far prendere definitivamente coscienza a tutti che la responsabilità del corretto smaltimento dei rifiuti è in capo ad ogni singolo cittadino - spiega l'amministrazione comunale -. Prende le mosse da questo un ancor più rigoroso monitoraggio che è sfociato nella possibilità per Hera, quando si verifichino comportamenti scorretti nella raccolta differenziata, di elevare direttamente sanzioni nei riguardi dei trasgressori".

"Sempre a tutela del cittadino, nel rispetto dell’ambiente e dei suoi luoghi, si è chiesto di aumentare la frequenza degli svuotamenti dei cassonetti dell’indifferenziata che attualmente sono previsti soltanto il martedì mentre a giorni alterni viene prelevato l’organico e la domenica e il mercoledì vengono portate via plastica e carta - prosegue il Comune -. Si è poi dato il la anche al progetto della raccolta porta a porta che per il centro potrebbe partire già dal prossimo anno, al momento il Comune è in attesa di ricevere il piano di fattibilità economica".

Lunedì nella cornice del palazzo comunale si è parlato a lungo di cultura e di come poterla declinare con fantasia e intelligenza per il bene di Morciano. L’indomani è stata la volta dei rifiuti, altro tema cruciale per l’immagine della cittadina e il benessere dei suoi abitanti. "Argomenti insomma densi di peso specifico che non potevano più essere rimandati - conclude l'amministrazione -. E’ estate, si respira il senso delle istituzioni e la voglia di investire sul futuro". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento