Invitato per una notifica in Questura ne esce in manette con una condanna definitiva

A 21 anni dal fatto la giustizia presenta il conto per una serie di reati legati agli stupefacenti e ai soldi falsi

Dopo 21 anni dal crimine, per un napoletano 40enne è arrivato il conto da pagare con la giustizia. L'uomo, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine per reati legati agli stupefacenti e alla spendita di soldi falsi, doveva scontare una condanna definitiva per un cumulo di pene pari a 4 anni e 8 mesi. Nella mattinata di lunedì il partenopeo è stato quindi chiamato in Questura, per la notifica di un atto, e quando si è presentato agli uffici di corso d'Augusto il personale della polizia di stato gli ha presentato il conto. Arrestato, al termine delle pratiche di rito il 40enne è stato quindi trasferito nel carcere dei "Casetti" per scontare la pena.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento