Raffica di controlli a Santarcangelo, denunciati quattro malviventi

Individuati gli autori di un furto, i componenti della banda di truffatori dello specchietto e un ricettatore

Raffica di controlli del territorio da parte dei carbinieri della Compagnia di Rimini che, negli ultimi giorni, hanno operato a Santarvangelo riuscendo ad individuare e a denunciare gli autori di diversi reati. Nello specifico, ad essere deferito all'autorità giudiziaria per furto è stato un 65enne napoletano. L'uomo, lo scorso 16 gennaio, approfittando del fatto che il titolare di una tabaccheria santarcangiolese aveva lasciato in macchina alcuni scatoloni di sigarette aveva sfondato un finestrino per impossessarsi delle stecche e poi fuggire facendo perdere le proprie tracce. Dovrà invece rispondere di ricettazione un 19enne, originario della Guinea, trovato in possesso di uno smartphone risultato rubato. Sono stati individuati e denunciati a piede libero, invece, due truffatori che, nei giorni scorsi, avevano inscenato la classica truffa dello specchietto. Si tratta di due 22enni, entrambi della provincia di Siracusa, nel cui mirino era finito un turista tedesco che, con la sua auto, transitava per Santarcangelo lo scorso 2 luglio. Dopo aver inscenato il finto sinistro e chiesto del denaro per sistemare la faccenda, il tedesco ha chiesto l'intervento dei carabinieri mettendo in fuga i malviventi che, poi, sono stati rintracciati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento