Raffica di maltrattamenti al padre, il figlio ribelle finisce nei guai

Il giovane pretendeva soldi e maggiore autonomia nonostante fosse stato estromesso dalla gestione dell'azienda di famiglia

L'estromissione dalla gestione dell'azienda di famiglia ha mandato su tutte le furie un 38enne che, per ripicca, ha iniziato a rendere un inferno la vita del proprio padre. Una escalation di violenza e aggressioni culminate lo scorso agosto quando, il ragazzo, ha spaccato il naso del genitore al culmine di una lite per questioni di denaro. La furia del 38enne, infatti, ruotava sempre intorno al presunto allontanamento dalla gestione dell'azienda famigliare e al denaro tanto che, in passato, era arrivato a danneggiare la Bmw 730 del padre spaccando tutti i finestrini e scrivendo sulla carrozzeria "Dammi i miei soldi". L'uomo, dopo essersi trovato col naso rotto, ha deciso di rivolgersi alle forze dell'ordine per denunciare il figlio che, al termine delle indagini, si è visto notificare un'ordinanza che gli impone di non avvicinarsi al genitore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento