Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Raffica di spari con la pistola clandestina, arrestati con falsi tesserini delle forze dell'ordine

Momenti di paura nell'entroterra riminese per la presenza di due individui in scooter che hanno esploso diversi colpi con l'arma illegale

Momenti di paura per i residenti delle prime colline riminesi che, nel pomeriggio di martedì, si sono trovati a che fare con due ragazzi che imperversavano tra le strade di campagna esplodendo a raffica dei colpi di pistola. Il primo allarme è arrivato intorno alle 16 quando da via Buonanotte, tra la chiesa di San Lorenzo a Monte e lo stabilimento della Galvanina, sono arrivate alla polizia di Stato alcune segnalazioni da parte dei cittadini che parlavano di due individui in sella a uno scooter che stavano sparando. Le Volanti della Questura si sono precipitate sul posto con gli agenti che hanno iniziato a battere le strade di campagna fino ad individuare i due giovani sullo scooter. Ad essere fermati sono stati un cittadino albanese e un italiano che, secondo quanto emerso, avrebbero esploso almeno 7 colpi. Perquisiti, sono stati trovati in possesso di una pistola semi-automatica Crvena-Zastava di fabbricazione serba risultata clandestina, nella tasca di uno dei due 14 proiettili calibro .32 oltre a sei falsi tesserini che li qualificavano come appartenenti alla polizia di Stato, alla Guardia di Finanza e come Guardie giurate particolari e una paletta della polizia albanese. Portati in Questura, sono stati accusati di detenzione illegale di arma e ricettazione in concorso. L'albanese è stato quindi trasferito nel carcere dei "Casetti" mentre, l'italiano, è stato sottoposto agli arresti domiciliari entrambi in attesa dell'udienza di convalida davanti al gip.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffica di spari con la pistola clandestina, arrestati con falsi tesserini delle forze dell'ordine
RiminiToday è in caricamento