Ragazzine scatenate pestano selvaggiamente una coetanea

Tre 15enni segnalate alla Procura dei Minori per lesioni e rapina ai danni di una giovanissima turista

Sono stete denunciate alla Procura dei Minori tre 15enni, due milanesi e una marchigiana, componenti di una baby gang "in rosa" che domenica sera ha picchiato a sangue una turista di Verona a Riccione. Il parapiglia si è scatenato nella nottre di domenica quando, intorno alle 2.30 in piazzale San Martino, un gruppo di ragazzini tra pesaresi e milanesi ha incrociato tre coetanee venete in vacanza nella Perla Verde. A dar fuoco alle polveri pare sia stato un involontario contatto spalla contro spalla tra una delle veronesi e una delle marchigiane con quest'ultima che ha iniziato ad ad aggredire verbalmente la coetanea. Dalle parole irripetibili uscite dalla bocca di una ragazzina, quest'ultima è poi passata alle mani tra lo stupore dei passanti a cui sembrava di assistere a una lite tra scaricatori di porto. Alcuni adulti presenti hanno cercato di dividere le giovanissime ma, a questo punto, è scattato il branco di milanesi e pesaresi che ha dato man forte all'amica nel picchiare la veronese. Anche quando la 15enne è a terra, tre coetanee hanno infierito su di lei con calci e pugni nonostante altri passanti abbiano cercato di dividerle e, nel frattempo, dato l'allarme ai carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto è accorsa una pattuglia dell'Arma coi militari che hanno trovato la giovane veneta in condizioni pietose tanto da dover chiamare l'ambulanza del 118 per soccorrerla. Nel frattempo il branco si era spostato di pochi metri e, i carabinieri, hanno provveduto a identificare tutti i componenti nonostante l'aria di sfida e di superiorità che i ragazzini tenevano. Alla fine sono state riconosciute le tre protagoniste principali del pestaggio che, portate in caserma, hanno continuato a tenere un atteggiamento più consono a un criminale incallito che a delle ragazzine. Anche davanti ai genitori, convocati dai carabinieri per andare a riprenderle, le 15enni non hanno battuto ciglio nemmeno quando al termine delle pratiche di rito sono state denuciate a piede libero. Oltre alle lesioni dovranno rispondere anche di rapina perchè, alla vittima, nel parapiglia è sparita una collanina d'oro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento