menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ragazzino accoltellato nel parco, fermato l'autore del fendente

Individuato dai carabinieri, è un 18enne che adesso rischia un processo per tentato omicidio

Nella giornata di domenica, al termine di un'indagine lampo, i carabinieri di Bellaria hanno individuato e arrestato il presunto autore dell'aggressione ai danni di un ragazzino di 14 anni ferito nel parco cittadino da alcuni fendenti di coltello. Ad essere ammanettato è stato un 18enne residente nel bergamasco, già noto alle forze dell'ordine, che adesso rischia un processo per tentato omicidio. Il ferimento del minorenne risale alla tarda serata del 4 settembre quando, secondo la ricostruzione dei carabinieri, il ragazzino avrebbe avuto un alterco con l'aggressore scatenato da futili motivi. Pare che, all'orgine di tutto, ci fosse stato il tentativo di vendere una bicicletta quando, per cause ancora in corso di accertamento, il 18enne avrebbe estratto un coltello scagliando tre fendenti che hanno raggiunto il giovane dietro l'ascella e sul torace.

Dopo aver colpito il 14enne, l'aggressore è fuggito mentre il ferito è stato soccorso dal personale del 118 e trasportato al "Bufalini" di Cesena da dove è poi stato dimesso con una prognosi di 22 giorni. Gli inquirenti dell'Arma, già nella notte tra venerdì e sabato, erano partiti alla ricerca dell'autore dell'accoltellamento riuscendo a risalire all'albergo bellariese in cui alloggiava. I carbinieri hanno quindi eseguito una perquisizione nella camera rinvenendo l'arma usata per ferire il minorenne: un coltello a farfalla con lama da 10 centimetri. Il rinvenimento ha fatto scattare il fermo nei confronti del 18enne che, portato in caserma, è stato ascoltato dagli inquirenti e su disposizione del pubblico ministero trasferito nel carcere di Rimini a disposizione della magistratura e nei martedì sarà ascoltato dal gip per l'interrogatorio di garanzia. Difeso dall'avvocato Alessandro Buzzoni il 18enne, che si è detto pentito delle coltellate sferrate al ragazzino, sostiene la tesi di essere stato aggredito dalla vittima e da un suo amico. Il fermato ha spiegato di aver proposto ai due giovani la vendita della bici, poi risultata rubata, ma che questi oltre a non essere interessati lo avrebbero minacciato e poi rincorso. Lui, per difendersi, avrebbe quindi estratto il coltello e tirato i dendenti che hanno poi raggiunto il minorenne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Simbolo di Rimini, storia e curiosità del grattacielo

Ristrutturare

Decoupage, trasforma gli oggetti in piccole opere d'arte

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento