Rapina in villa: legano due donne e svaligiano la camera blindata

Sono arrivati fingendosi due postini, intorno alle 10 di giovedì mattina, nella villa di Marina Centro, in via Vittorio Veneto, di proprietà di una importante famiglia di albergatori

Sono arrivati fingendosi due postini, intorno alle 10 di giovedì mattina, nella villa di Marina Centro, in via Vittorio Veneto, di proprietà di una importante famiglia di albergatori, dove hanno rapinato una donna di 85 anni. Ad aprire la porta è stata la badante dell'anziana, italiana di 56 anni, ingannata da un pacco che i malviventi fingevano di dovere consegnare. Quando la donna è andata per firmare la bolla è stata assalita e messa ko con un pugno.

Una volta entrati, i malviventi, hanno provveduto a legare entrambe le donne per poi dirigersi verso la stanza blindata dove sono conservati i preziosi della famiglia. L'anziana malata non è stata in grado di dare la chiave ai rapinatori, che hanno così spaccato la porta con una mazza chiodata. Per un'ora circa i due malviventi hanno tenuto sotto scacco l'abitazione e le due donne, fuggendo con un bottino di circa 50mila euro.

La badante, rimasta legata è riuscita a prendere il suo cellulare dalla tasca e a chiamare una parente dell'anziana, che ha allertato il 113. Secondo le prime informazioni i rapinatori sarebbero meridionali, di circa 30 e 50 anni.  Sarebbero andati sul sicuro, puntando direttamente la camera blindata e non curandosi delle altre stanze. Le due donne, a parte il grande spavento, stanno bene.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento