rotate-mobile
Lunedì, 5 Dicembre 2022
Cronaca

Rapinatore disarmato ci prova in due banche, nella seconda riesce a ottenere i contanti

Dopo aver ottenuto un secco rifiuto in un istituto di credito il malvivente si è fatto più furbo ma alla fine è stato identificato e arrestato dalla polizia

Una scena ai limiti della comicità, se non fosse stato commesso un reato, quella avvenuta giovedì mattina in una banca del centro storico di Rimini dove un distinto 60enne si è presentato agli sportelli. Alla cassiera ha quindi rivolto la classica frase: "Questa è una rapina, dammi tutti i soldi". Mantenendo il sangue freddo, la dipendente ha risposto picche nonostante l'aspirante rapinatore insisteva nel pretendere il denaro custodito nel cassetto. Vista la mala parata, il 60enne non ha potuto far altro che lasciare l'istituto di credito mentre dalla filiale è partito l'allarme che ha fatto intervenire una pattuglia della polizia di Stato. Gli agenti, grazie alla descrizione dell'uomo, in poco tempo sono riusciti ad individuarlo e a bloccarlo. Identificato, è stato quindi denunciato a piede libero per tentata rapina. Tutto sembrava essere finito ma lo stesso pomeriggio, in un'altra banca, il malvivente è tornato alla carica. Questa volta, avendo evidentemente fatto tesoro dell'esperienza avuta in mattinata, arrivato allo sportello ha simulato di avere in tasca una pistola. L'impiegato, impaurito, ha abbandonato lo sportello e a finire nel mirino del rapinatore è stato un collega che minacciato non ha potuto far latro che consegnare al 60enne i contanti. Un bottino di  4.820 euro che è sparito nelle tasche del malvivente il quale è poi fuggito facendo perdere le proprie tracce mentre, dalla banca, è partito l'allarme. Quando gli agenti sono arrivati sul posto dalla descrizione hanno capito subito che si trattava della stessa persone che, nella mattinata, avevano identificato e la conferma è arrivata dalla visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza. Il personale della Questura riminese è così partito a caccia dell'uomo individuandolo mentre stava facendo ritorno nell'albergo dove alloggiava. Perquisito, è stato trovato in possesso di parte del bottino: nelle sue tasche, infatti, c'erano ancora 3.620 euro. Su disposizione del pubblico ministero di turno l'uomo è stato arrestato e portato in Questura da dove, al termine delle pratiche di rito, è stato poi trasferito nel carcere dei "Casetti" in attesa della convalida del fermo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinatore disarmato ci prova in due banche, nella seconda riesce a ottenere i contanti

RiminiToday è in caricamento