Cronaca

Rapinatore seriale in manette: colpiva in bici e armato con una pistola giocattolo

Sono almeno 4 i colpi che i carabinieri hanno addebitato al malvivente che, negli ultimi tempi, prendeva di mira i passanti sul lungomare

Sono almeno 4 i colpi che i carabinieri hanno addebitato a un 48enne siciliano, residente in un residence di Rimini, ritenuto essere il rapinatore seriale armato di pistola che negli ultimi tempi ha imperversato nella zona di Viserba. L'uomo, arrestato dai militari dell'Arma, nella mattinata di sabato scorso è comparso davanti al gip per l'udienza di convalida nel corso della quale ha ammesso le proprie responsabilità sostenendo di essere stato spinto a commettere i reati per finanziare la sua tossicodipendenza. Le rapine erano state messe a segno il 19 e 30 maggio e il 7 e 9 giugno e, tutte, erano state portate aventi con lo stesso modus operandi. Il 48enne, in sella alla bici, entrava in azione nel cuore della notte puntando quanti si trovavano sul lungomare. Una volta raggiunte le vittime, puntava contro di loro una pistola poi rivelatasi finta per impossessarsi di borse, cellulari e oggetti di valore.

Le indagini dei carabinieri hanno permesso di arrivare al rapinatore grazie alla bicicletta usata dal malvivente, particolarmente riconoscibile, e il 48enne è stato individuato in un bar di Viserba dagli inquirenti. Pedinato, il rapinatore ha portato i militari dell'Arma fino al residence dove viveva e, nella giornata di venerdì scorso, è stata eseguita una perquisizione che ha permesso di trovare sia la bicicletta incriminata che capi di abbigliamento compatibili con quelli descritti dalle vittime. Il tutto ha fatto scattare le manette ai polsi dell'uomo che, al termine delle pratiche di rito, è stato trasferito nel carcere dei "Casetti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinatore seriale in manette: colpiva in bici e armato con una pistola giocattolo
RiminiToday è in caricamento