menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinatori, esibizionisti e spacciatori nella rete dei carabinieri di Riccione

Sottoposti a sequestro marijuana e hashish e numerosi “vagabondi” sono stati identificati ed allontanati dalle spiagge della Perla

Nel weekend di Ferragosto i Carabinieri della Compagnia di Riccione hanno intensificato le attività di controllo del territorio, battendo a tappeto ogni angolo della città, compresi campeggi, parchi pubblici e villa Mussolini. Dalle prime luci dell’alba, i militari della Stazione di Riccione sono impegnati in questa serrata attività, nel corso della quale sono stati segnalati all’Autorità prefettizia 6 assuntori di stupefacente su 47 persone controllate. Sono quindi stati sottoposti a sequestro marijuana e hashish e numerosi “vagabondi” sono stati identificati ed allontanati dalle spiagge della Perla, scelte come giaciglio per la notte. Inoltre, un napoletano 26enne è stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico e nei suoi confronti è stata richiesta l’applicazione del foglio di via dal Comune di Riccione. Il partenopeo, in particolare, sia presso il bagno 114-115 che presso alcuni bar di viale Dante, in pubblico, aveva esibito i propri genitali. A seguito delle chiamate pervenute sul 112, i carabinieri della Stazione sono riusciti ad individuare l’uomo e a condurlo in ufficio per gli accertamenti di rito.

carabinieri riccione controlli spiaggia 1-2
 
Nel  corso della notte, inoltre, i carabinieri della sezione Radiomobile hanno sottoposto a fermo un 20nne albanese, riconosciuto quale autore di una rapina consumata intorno alle 2 nei pressi del luna park di Riccione, vittima un giovane turista del milanese, il quale si è visto puntare contro un coltello. A seguito delle minacce ricevute, il diciassettenne è stato costretto a consegnare il portafoglio con 150.00 euro dopodiché il malvivente si è dato alla fuga a bordo di una bicicletta che egli stesso ha raccontato alle vittime essere stata da lui rubata poco prima dopo aver accoltellato il proprietario. Circostanza, però, smentita nel corso delle indagini. I carabinieri, raggiunte le vittime ed ottenuta una descrizione del rapinatore, contraddistinto da una vistosa aquila tatuata sulla mano, hanno avviato una intensa attività di ricerca conclusasi dopo circa due un’ora quando i militari hanno notato il giovane nei pressi del lungomare a bordo della bici rubata. Alla vista delle divise, il malvivente ha abbandonato la bici dandosi alla fuga verso la spiaggia ma, rincorso, è stato bloccato e ammanettato. Una volta condotto in caserma è stato sottoposto a perquisizione a seguito della quale si riusciva a recuperare il denaro rapinato in precedenza, occultato negli slip, ed il coltello utilizzato per il colpo. Al termine degli accertamenti è stato arrestato e trasferito nel carcere dei "Casetti" in attesa della convalida.

carabinieri riccione controlli campeggio-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Miti e leggende, i fantasmi del riminese

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento