Razzismo al ristorante, l'Anpi: "Un grave fatto accaduto nel giorno della cerimonia per i Tre Martiri"

"Siamo consapevoli che questo substrato culturale è presente anche nella nostra città. Saremo al fianco di chi si farà promotore di azioni legali"

Sull'episodio di razzismo denunciato da una donna dopo una cena in un ristorante di Viserba sono moltissime le reazioni che si stanno susseguendo. A intervenire con fermezza è l'Anpi della provincia di Rimini che afferma: "Mentre nella piazza centrale riminese la città omaggiava Mario Capelli, Luigi Nicolò e Adelio Pagliarani, i Tre Martiri che settantasei anni prima sacrificarono la propria giovane vita in nome di un sogno di pace, libertà e democrazia, appesi con una corda nazifascista in quello stesso luogo, in un ristorante del riminese va in scena una di quegli episodi che troppe volte oramai siamo abituati a vedere e a leggere sui giornali".

Il caso denunciato da una cliente

Continua l'Anpi: "Una famiglia riunita per festeggiare il compleanno della bimba di due anni si vede ricevuta da un cameriere che chiede scusa a Mussolini per essere costretto dalle circostanze a offrire il proprio servizio a persone dalle origini non proprio “ariane” direi, anzi, decisamente dalla pelle scura. Nulla vale se queste parlano perfettamente italiano, il solo atto di offrire il proprio lavoro a persone di pelle scura rende la cosa degradante al punto che il cameriere alza il braccio destro in segno di saluto fascista verso un ritratto del duce chiedendo scusa per tale azione. Tutto quanto riportato e denunciato su Facebook da alcuni componenti della famiglia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo consapevoli che questo substrato culturale è presente anche nella nostra città, Medaglia d’Oro al Valore Civile per la resistenza di cui i Tre Martiri sono testimoni ad imperitura memoria - continua l'Anpi - E quindi non possiamo fare altro che continuare a contrastare, condannare e perseguire questi atteggiamenti che spesso sfociano in reato di apologia di fascismo. Chi sbaglia paga e noi saremo al fianco di chi si farà promotore di azioni legali e di contrasto contro questi ignobili atti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento