Report Caritas, il vicesindaco Lisi: "La povertà è tragicamente intorno a noi"

Gloria Lisi, Vicesindaco con delega alla protezione sociale del Comune di Rimini, ha partecipato sabato mattina alla presentazione di questa mattina del report sulla povertà della Caritas di Rimini.

Gloria Lisi, Vicesindaco con delega alla protezione sociale del Comune di Rimini, ha partecipato sabato mattina alla presentazione di questa mattina del report sulla povertà della Caritas di Rimini.

"E' vero, dopo tanti anni di crisi economica sembrano davvero cogliersi i primi segnali di ripresa; ma lo è altrettanto che la povertà, quella di sempre e quella cosìddetta “nuova”, è ancora tragicamente intorno a noi. Non solo, c’è qualcosa che accomuna la povertà, come la intendiamo storicamente, a quello che potremmo chiamare in maniera informale, lo sfilacciamento della società, che è invece un fenomeno più recente; ad accomunarle è il progressivo venir meno dei legami che tengono insieme una società. Da quelli di vicinato,fino ai valori veri e propri di solidarietà e identità" ha dichiarato Gloria Lisi.

"Ci sono infatti tante tipologie di povertà e di emarginazione che nel corso del tempo si sono manifestate e continuano a presentarsi. D'altronde, qualche giorno fa, leggendo una pagina del libro di 'quotidiana riflessione' di Monsignor Vincenzo Paglia, ho incontrato nuovamente quel passo che dice: i poveri li avrete sempre con voi, vi saranno sempre, e finché dura la condizione umana, con i suoi difetti e i suoi limiti, vi sarà l'esigenza di occuparsi di chi è in difficoltà"

"Poveri per tante ragioni: per difficoltà di sopravvivenza, per difficoltà dei mezzi per vivere, per difficoltà della malattia, per l'isolamento, per l'abbandono, per l'emarginazione sociale. Vi è una quantità di povertà diverse che vanno affrontate, e che nel corso di questi anni Rimini ha accompagnato attraverso l'impegno del pubblico, dell'associazionismo, del volontariato, lenendo ferite, intervenendo attivamente per sollevare quelle condizioni, per operare concretamente".

"In questa lettura del contemporaneo l'osservatorio Caritas si pone come punto di riferimento imprescindibile per il nostro territorio, in grado di orientare interventi, suggerire nuovi bisogni, tracciare quanto fatto e immaginare quello ancora da fare. Questo bisogno di solidarietà, dicevo in apertura, è una grande esigenza civile nella nostra comunità, ma non solo. È sempre più utile anche per avvertire i vincoli che tengono insieme e non quelli che separano e fanno guardare con diffidenza o con ostilità. Questo è centrale, oggi più che mai. Le avvisaglie sono intorno a noi, quando una comunità rompe i legami di solidarietà diventa qualcosa di diverso, viene messa in discussione nel suo significato più profondo. Sono rischi che non possiamo permetterci, fare per gli altri, farlo bene, farlo insieme sono la risposta più concreta e forte a queste derive individualistiche. Come sempre, il mio è un grazie al vostro importante lavoro di raccolta, documentazione, coordinamento, studio e memoria" ha concluso l'intervento Gloria Lisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento