Report demografico di Bellaria, i residenti sfiorano quota 20mila

Cifre 2019 sostanzialmente in linea con quelle del 2018, stabile anche la componente straniera, pari a 2.380 cittadini; numero di matrimoni in crescita

La fotografia scattata in questo inizio 2020 dai Servizi Anagrafici Comunali e riferita all’anno appena terminato, mostra una Bellaria Igea Marina sostanzialmente stabile per quanto concerne la popolazione residente, sia straniera che italiana, costante anche nei rapporti di forza tra componenti femminile e maschile e tra le provenienze delle diverse comunità straniere; in aumento invece il numero dei matrimoni. Numero di residenti al 31 dicembre 2019, come detto, analogo a quello registrato a fine 2018: sono 19.558, contro i 19.569 fatti segnare dodici mesi prima. Il gap tra iscritti e cancellati nell’anno appena concluso è stato di una cinquantina di unità (rispettivamente 627 e 578), compensato di fatto dalla differenza tra nascite e decessi, 174 questi ultimi contro 115 nuovi nati.
 
Confermato il trend storico che vede Bellaria Igea Marina a maggioranza rosa, con 10.042 femmine residenti contro i 9.516 maschi. Tendenza che si accentua, anche in questo caso in linea con quanto avvenuto gli anni scorsi, nella composizione della popolazione straniera: 1.295 femmine contro 1.085 maschi. I cittadini di Bellaria Igea Marina provenienti da oltre confine sono così 2.380 totali, poco meno dei 2.397 registrati a fine 2018. Tra gli stranieri, la comunità più numerosa resta, per distacco, quella albanese, stabile sopra quota mille con 544 cittadini e 495 cittadine. Entrambe in lieve calo, occupano comunque la seconda e la terza piazza la comunità rumena (114 maschi e 215 femmine) e quella ucraina (29 maschi e 145 femmine). A seguire, troviamo i 151 abitanti della comunità marocchina, gli 83 cinesi e i 63 abitanti provenienti dal Bangladesh; 46 i senegalesi e 41 i tunisini. Moldavi, polacchi e russi, gli altri gruppi con più di trenta cittadini residenti a Bellaria Igea Marina.
 
Sul fronte dei matrimoni, la città fa registrare un aumento rispetto al 2018, passando da 49 a 59 cerimonie totali; 49 i matrimoni civili del 2019, dei quali quattro celebrati alla Casa Rossa di Alfredo Panzini e tre alla Torre Saracena, mentre 10 sono state le cerimonie religiose: sei in meno, queste ultime, rispetto alle sedici celebrate nell’anno precedente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento