Cronaca

Ricatti sessuali alle dipendenti, chiesto il giudizio immediato per il direttore di un negozio

L'uomo avrebbe sfruttato la sua posizione per molestare le commesse minacciandole di non rinnovare loro il contratto

Il pubblico ministero ha chiesto il giudizio immediato nei confronti di un 52enne originario di Napoli, direttore di un negozio di abbigliamento a Rimini, accusato di atti sessuali nei confronti di tre commesse. L'uomo, arrestato lo scorso maggio e finito ai domiciliari, era finito nel mirino della Squadra mobile della Questura dopo che le presunte vittime si erano rivolte alla polizia di Stato per denunciare i comportamenti del loro capo. Secondo le commesse, il 52enne si rapportava con loro sempre con atteggiamenti esplicitamente sessuali e spesso arrivava ad usare minacce verbali aggravate dall’uso di un taglierino. Non sarebbero mancate occasioni in cui il responsabile del negozio avrebbe costretto le sue sottoposte a contatti fisici inappropriati e, se osavano ribellarsi, le minacciava di non dinnovare i contratti di lavoro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricatti sessuali alle dipendenti, chiesto il giudizio immediato per il direttore di un negozio

RiminiToday è in caricamento