Aperto il 31° Convegno Anusca nel 150° dell’Unità d’Italia

Si è aperto a Riccione il Convegno dell’Associazione Nazionale degli Ufficiali di Stato Civile e Anagrafe, uno degli eventi più significativi della Pubblica Amministrazione

Si è aperto a Riccione il Convegno dell’Associazione Nazionale degli Ufficiali di Stato Civile e Anagrafe, uno degli eventi più significativi della Pubblica Amministrazione. Tema del convegno: "Il 150° dell'Unità d'Italia: la storia del Paese si intreccia con quella dei Servizi Demografici". Ad aprire i lavori , dopo il saluto del vice sindaco Lanfranco Francolini e della presidente dell'Associazione Ufficiale di Stato Civile della Romania, Renata Marin, la relazione del Presidente Anusca Paride Gullini.

Nonostante il grave momento di crisi, che ha messo in serie difficoltà gli Enti pubblici ed i Comuni in particolare, erano presenti diverse centinaia di operatori e funzionari dei servizi demografici al Palazzo dei Congressi della Perla Verde. Buona la presenza anche di sindaci, assessori ed altri amministratori pubblici arrivati da ogni parte d’Italia, oltre alle Delegazioni straniere, per un 31° Convegno ANUSCA che rappresenta la vera occasione e l’opportunità d’interrogarsi sul futuro dei servizi demografici e della Pubblica Amministrazione in generale.

Filo conduttore il tema “150° dell’Unità d’Italia: la storia del Paese si intreccia con quella dei Servizi Demografici” ed il ruolo di questi servizi, nel contesto complessivo della Pubblica Amministrazione. Il presidente Paride Gullini nella sua relazione, dopo un richiamo alla situazione politico-economica del momento (che si ripercuoterà anche nel Settore Demografico in termini di servizi), ha detto che “Non siamo tra quelli che pensano che i demografici siano al centro dell’universo, ma vogliamo essere tra quelli impegnati a dare un contributo per migliorare questi servizi, che possono contribuire a rendere meno costosa e più efficiente l’organizzazione dello Stato, delle Regioni e degli Enti Locali”.

Purtroppo, ha evidenziato Gullini, non sempre è così perché manca “una strategia comune in grado veramente di semplificare le procedure e soprattutto di assicurare, a parità di servizi, risparmi importanti per la collettività”. Per il presidente di ANUSCA servirebbe, altresì, “una visione imprenditoriale del problema che unita all’autorevolezza di chi propone, sia in grado di indicare una riforma strutturale delle diverse procedure amministrative cui devono adeguarsi tutte le amministrazioni”.

Si è chiesto, poi, “ perché tutti gli Enti pubblici hanno aggiornato in questi anni le tariffe dei servizi e delle certificazioni, mentre solo nei demografici si continuano a praticare tariffe irrisorie”, auspicando chiarezza anche su questi punti “da un lato per reperire le necessarie risorse per la gestione dei demografici, dall’altro per comprendere il valore di un settore che oggi viene vissuto, da taluni amministratori, come un peso e non una risorsa”.

Infine, il presidente Gullini non ha voluto far mancare il suo ringraziamento e quello di ANUSCA, al Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano che da anni assicura il Suo Alto Patronato alla manifestazione e alle più alte cariche dello Stato per l’adesione al Comitato d’Onore e per i patrocini della Presidenza del Consiglio, dei Ministeri interessati alle tematiche dei demografici, delle Regioni Emilia-Romagna e Basilicata, dell’ISTAT e dell’ANCI e al Comune di Riccione per l'ospitalità. Ha coordinato i lavori della mattinata il Prefetto Francesca Adelaide Garufi del Ministero dell’Interno.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento