Si accende il VistaRed: nel mirino gli automobilisti che passeranno col semaforo rosso

In funzione 24 ore su 24 in entrambe le direzioni, non restituisce solo le foto in versione digitale ma anche il filmato, così da rendere ancora più chiaramente l’accertamento delle infrazioni

Dopo il primo VistaRed, il sistema elettronico di rilevazione di infrazioni, installato la scorsa primavera in viale Abruzzi a Riccione, da domenica 22 ottobre entrerà in funzione un nuovo impianto a controllare l’incrocio tra via Adriatica, viale Palermo e viale Potenza sempre nella Perla Verde. Lo scorso anno la giunta, considerando la necessità di prevedere uno strumento di tutela e controllo della sicurezza stradale, ha deciso di sperimentare la rilevazione automatica delle infrazioni con un dispositivo di rilevamento fotografico e video in alcuni incroci semaforici a più alto rischio di incidenti stradali. Il VistaRed, che è in funzione 24 ore su 24 in entrambe le direzioni, non restituisce solo le foto in versione digitale ma anche il filmato, così da rendere ancora più chiaramente l’accertamento delle infrazioni.

Il secondo dispositivo è stato montato oggi ed entrerà in funzione domenica 22 ottobre. Se si considera che il flusso quotidiano di transiti in viale Abruzzi, dove si è avviata la sperimentazione, è di 20.000 al giorno, è evidente la necessità, non solo di sanzionare chi non rispetta lo stop attraversando con il semaforo rosso, ma anche tentare di modificare, attraverso questo tipo di dissuasione, il comportamento irregolare e pericoloso degli automobilisti. Si va dunque a potenziare l’azione di prevenzione, sicurezza e controllo del territorio.

La prima sperimentazione ha raggiunto questo risultato mostrando sia che le sanzioni sono diminuite sia una maggior disciplina di chi transita su quegli assi stradali. Nel primo periodo di prova, a conferma che manca la consapevolezza degli automobilisti della pericolosità della loro condotta (tanti di questi attraversano con il rosso convinti ad esempio che il semaforo sia sul giallo), erano moltissime le infrazioni, una media di trenta al giorno. In pochi mesi di attività si sono ridotte di due terzi riducendo contestualmente e in maniera importante l’eventualità di provocare incidenti anche gravi.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento