Agli Europei di salvamento in gara Jennifer Bortuzzo, la sorella del nuotatore a cui hanno sparato

L'atleta: "Mio fratello Manuel mi chiama tutti i giorni mi avere notizie, consigli me ne dà pochi perché queste gare sono diverse da quelle del nuoto"

Diciotto anni il prossimo 10 ottobre, trevigiana, meno di 900 amici su Facebook e più di 1400 follower su Instagram. La passione per il salvamento nata due anni fa, quasi per caso. Agli europei Lifesaving di Riccione 2019 c’è anche Jennifer Bortuzzo, sorella di Manuel che la segue da Roma e fa il tifo per lei. “Ci sentiamo al telefono, mi chiede come vanno le gare. Consigli me ne da pochi perché le gare di salvamento sono un po’ diverse dal nuoto puro”.

Partecipa con lo Sporting Club Noale, la sua nuova società, dopo essere stata a lungo al Team Veneto, Allo Sporting ha incontrato Riccardo Pinton, il suo tecnico attuale, che le ha fatto scoprire questa disciplina. “Il salvamento – racconta – era tra le attività che la società proponeva, diversa, ho provato e col tempo mi sono appassionata”. Merito anche di Riccardo che ha insistito. “L’ho quasi costretta – sorride – volevo completare la squadra e ho subito pensato a lei, perché ha le caratteristiche giuste”.

Le sue gare “preferite” sono le classiche del nuotatore: torpedo, ostacoli e percorso misto in piscina, frangente e tavola in mare. Vive a Treviso con la mamma e gli altri fratelli. “A Roma ci sono Manuel e papà e di tanto in tanto vado a trovarli. Per adesso non penso di trasferirmi a Roma”. Frequenta la scuola professionale da parrucchiera, l’altra sua passione, e riesce a conciliare bene lo studio con gli allenamenti. “E’ una scuola particolare – spiega – in cui alterniamo le lezioni in classe a stage di lavoro. Il tempo per nuotare c’è”.
Allo Stadio del nuoto di Riccione c’era già stata per i campionati assoluti. Nella prima giornata degli Interclub ha partecipato alla finale della staffetta 4x50 ostacoli open insieme alle compagne Maddalena Marconato, Aurora Ferraresso e Chiara Favaro. Si sono classificate seste in Europa in 2’00”22. Nelle gare individuali è tredicesima nei 200 metri di nuoto con ostacoli (2’25”64) e sedicesima nei 100 metri di percorso misto (1’24”27). Anche a lei piace il motociclismo, ma a differenza di Manuel non ha mai guidato la moto, Ha iniziato a nuotare che aveva tre anni e da allora il nuoto è stato il suo “sport principe”. “Si allena sei volte alla settimana e tre giorni fa anche palestra”, dice il suo allenatore. E’ un’atleta modello e tutti le vogliono bene, proprio come a Manuel.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Coronavirus, il bollettino: l'attività di screening scopre due positivi asintomatici

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

Torna su
RiminiToday è in caricamento