Riccione, al porto ripartono i lavori di dragaggio dopo le mareggiate

Lavori di dragaggio da lunedìi mattina al porto di Riccione dove si è ripreso a lavorare dopo le mareggiate dei giorni scorsi, particolarmente intense nel mese di novembre

Lavori di dragaggio da lunedìi mattina al porto di Riccione dove si è ripreso a lavorare dopo le mareggiate dei giorni scorsi, particolarmente intense nel mese di novembre. La draga rimarrà a disposizione per interventi urgenti all'imboccatura del porto canale per i prossimi 30 giorni lavorativi in caso verranno anche rifiniti i due vasconi, lato Sud e lato Nord che per effetto delle mareggiate perdono profondità. I due vasconi sono stati creati a salvaguardia dell'imboccatura del porto di Riccione, in caso di mareggiate straordinarie ne evitano infatti la chiusura. 

Si sta anche procedendo alla definizione di un accordo di programma che affiderà per la durata di quattro anni la manutenzione e il dragaggio dell'imboccatura del porto canale ad una ditta specializzata. Sono 35 le ditte che si sono candidate. Il settore Lavori Pubblici e Demanio procederà al sorteggio per la scelta di 17 aziende alle quale sarà quindi richiesto l'invio di un preventivo tecnico. L'accordo sarà in essere dal 2021 al 2024 e vi saranno ricompresi tutti i lavori di manutenzione del porto. 

“Siamo intervenuti velocemente, come facciamo sempre qualora si presenti un problema al porto canale, per ripristinare la navigabilità del tratto in uscita ed entrata - ha detto l’assessore al Demanio, Andrea Dionigi Palazzi -ma soprattutto grazie all'impegno degli uffici comunali, procederemo ad un accordo quadriennale e quindi con una ampia programmazione su tempi più certi, per mettere a scadenza le varie fasi degli interventi sul porto. In questo modo garantiremo sempre una buona fruibilità del canale. Il porto per Riccione, sia d’estate e di inverno, è un punto fondamentale che giocherà un ruolo sempre più centrale nel tessuto urbano”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento