menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riccione, approvato lo statuto della nuova Asp "Ceccarini"

Il Consiglio comunale di Riccione ha approvato lo statuto della nuova Asp (Azienda Servizi alla Persona) “Ceccarini” e lo schema di convenzione tra i 14 comuni del Distretto Riccione e Unione Valconca

Il Consiglio comunale di Riccione ha approvato lo statuto della nuova Asp (Azienda Servizi alla Persona) “Ceccarini” e lo schema di convenzione tra i 14 comuni del Distretto Riccione e Unione Valconca. "Diventa una realtà dopo anni di lavoro l’Azienda dei Servizi alla Persona - esordiscono il sindaco Massimo Pironi e l'assessore ai servizi alla persona Federica Torcolacci -. I 14 Comuni del Distretto Sud potranno ora offrire ai complessivi 110 mila residenti, servizi relativi ai settori dei minori, di assistenza agli anziani, di supporto alla genitorialità, all’età evolutiva e alla disabilità".

"Per quanto concerne il settore dei minori il servizio sarà erogato tramite l’Asilo inter-comunale d’Infanzia Ceccarini di Riccione, che offre 79 posti ed è localizzato in un area di facile collegamento con i comuni del distretto - continuano Pironi e Torcolacci -. Le strutture che accoglieranno gli utenti per servizi di assistenza agli anziani e supporto ai disabili sono la Casa Protetta “Felice Pullè” che ospita 60 utenti, il Centro Diurno che accoglie 20 utenti e la Casa di Riposo di San Giovanni in Marignano che dà assistenza a 40 utenti. Il traguardo raggiunto è stato fortemente voluto da questa Amministrazione comunale".

Per l'amministrazione, "la forza di questa operazione, che ha richiesto un’articolata pianificazione e un grosso impegno da parte di tutti i 14 Enti municipali coinvolti – lo statuto della nuova ASP è in fase di approvazione nei rispettivi consigli comunali - risiede nel fatto di mettere a sistema una rete di servizi ad elevata complessità tecnica ed organizzativa, che potrà offrire servizi di qualità a tutti cittadini del Distretto Sud, attraverso una gestione associata delle risorse. Con l’impegno di fare scelte relative ai consigli di amministrazione e alla direzione di qualità".

Concludono Pironi e Torcolacci: "In questo caso si può davvero dire che l’unione fa la forza e, in un’epoca contrassegnata dalla crisi economica, il fatto di aumentare la qualità e il numero di servizi offerti ai Cittadini del nostro territorio è un risultato fondamentale. E’ stata prestata attenzione al contenimento dei costi, puntando a ottimizzare l’utilizzo delle strutture già esistenti. Prosegue in questo modo l’impegno del territorio per rendere i servizi più omogenei su tutto il distretto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento