menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riccione, "Un sogno che diventa realtà": inaugura il Centro “Daniela Conti”

E' in programma domenica pomeriggio, a partire dalle 16,30, l'inaugurazione del Centro “Daniela Conti” (Casa di via Limentani) destinato ad accogliere i progetti di autonomia per persone con sindrome di Down

E' in programma domenica pomeriggio, a partire dalle 16,30, l'inaugurazione del Centro “Daniela Conti” (Casa di via Limentani) destinato ad accogliere i progetti di autonomia per persone con sindrome di Down. “Arriva finalmente a compimento quello che all’inizio di questo mandato sembrava solo un sogno. – è il commento del sindaco Massimo Pironi. “C’era già un’idea progettuale avviata dalla precedente Amministrazione, ma occorreva metter a punto funzioni e ruoli perché questa idea iniziasse a camminare. Ci siamo riusciti anche grazie ad una legge regionale molto avanzata".

"Ma le leggi non bastano, ci vogliono le persone giuste. In questo caso le famiglie del Centro 21, che si facessero carico di una sfida. Molto ambiziosa - chiosa il primo cittadino -. In questa casa prende corpo in modo pieno il concetto di sussidiarietà. Quello che significa lo vediamo in queste mura. Le istituzioni fanno un passo indietro e lasciano spazio a chi ha le competenze e la spinta per gestire. E Riccione diventa ancora una volta un punto di riferimento di un’esperienza molto forte. L’idea di una città che sa accogliere tutti. Di fatto questa casa sarà non solo dei ragazzi e delle famiglie di Riccione ma anche di quelle dei comuni vicini, dell’intero comprensorio Sud. Senza esagerare, questo spazio che inaugureremo domenica si può definire un vero e proprio inno alla vita. E anche in questo caso, più delle parole parlano i fatti concreti.”

“Confesso che ero molto spaventata all’inizio – ammette Maria Cristina Codicè, presidente dell’Associazione Amici del centro 21 – all’idea di farci carico, come famiglie, di una quota importante dei costi di costruzione della casa. Poi, quando abbiamo cominciato a vedere la risposta della città e delle singole persone, abbiamo capito che non eravamo soli, che avevamo una collettività e un’Amministrazione alle spalle. Ma questo non è un punto d’arrivo, vogliamo che sia un punto di partenza. Il centro non sarà una cattedrale nel deserto, ma un luogo vivo, dove i ragazzi svolgeranno attività e trascorreranno esperienze di autonomia residenziale. I ragazzi che oggi gia fanno questo percorso (in un appartamento in affitto, ndr)  sono 5, ma passo dopo passo questo potrà essere allargato anche ad altri. L’altro obiettivo che il Centro21 persegue è quello del lavoro, il passaggio dalla borsa-lavoro dell’Ausl all’impiego vero e proprio tramite assunzione. Il pensiero che è sempre presente alle famiglie è lo stesso per tutti: che cosa sarà dei nostri figli dopo di noi?”

Dopo la ristrutturazione, la casa di via Limentani, di proprietà comunale, è ora  composta da un grande salone vetrato al pianoterra, con funzione di laboratorio per le attività di lavoro, una sala da pranzo e una cucina, cinque camere con servizi al primo piano, per un totale di 8-9 posti letto, una grande terrazzo, in tutto 230 metri quadrati. La ristrutturazione ha avuto un costo di 564mila euro, coperti per il 31,35 per cento da contributo regionale (pari a 177.074 euro). A questa somma si è aggiunto il contributo del Comune per 150mila euro. Il resto a carico delle famiglie del Centro 21, per i rimanenti 237.736 euro.

In vista dell’inaugurazione della struttura, l’Amministrazione comunale si è impegnata anche a realizzare il parcheggio estermo (7 nuovi posti auto) e i marciapiedi antistanti la casa, per ulteriori 25mila euro. Il tutto completato a tempo di record, sotto il coordinamento del Servizio tecnico comunale, mentre Geat si è presa cura delle potature, del giardino interno ed esterno, delle siepi. Lunghissimo, poi, l’elenco dei soggetti privati, professionisti, artigiani, imprese, circoli di buon vicinato, semplici cittadini che con il loro contributo - in denaro, energie e competenze - hanno fatto sì che la casa diventasse realtà.  

L’inaugurazione avrà luogo con il seguente programma:

ore 16,30 cerimonia inaugurale con la benedizione delVescovo di Rimini Francesco Lambiasi. Taglio del nastro con il Sindaco Massimo Pironi. Visita al Centro “Daniela Conti”
ore 17 Saluti alle autorità
ore 17,15  Jerome Lejeune e la trisomia 21. Conversazione con Pierluigi Strippoli, professore di Biologia applicata dell’Università di Bologna.
Ore 18 spettacolo “Gustosa”, un varietà tutto da gustare. Creatività, allegria e impegno dei ragazzi del Centro 21. Per tutti i partecipanti, al termine dell’esibizione, uno stuzzicante intermezzo da gustare in compagnia. Mostra “Che cos’è l’uomo e perché te ne ricordi?” Genetica e natura umana nello sguardo di Jerome Lejeune. Durante tutto il pomeriggio sarà possibile visitare il Centro e la mostra.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento